Nelle ultime settimane chi ha comprato a Wall Street azioni come Facebook (FB) ed e Amazon (AMZN) si è scottato in quanto, dal 10 ottobre scorso, i big del settore tecnologico hanno perso parecchio terreno dai massimi storici

Di conseguenza, forse è arrivato il momento, magari già a partire dal 2019, di guardare con maggiore attenzione a quelli che sono i nomi meno noti sulla piazza azionaria di Wall Street, ovverosia le società a bassa capitalizzazione che, pur essendo spesso volatili nel breve termine, altrettanto spesso nel lungo termine fanno registrare una crescita dei prezzi superiore alle large caps

Wall Street, società a bassa capitalizzazione per chi si aspetta un maggior guadagno

In merito, su thestreet.com, Kevin Curran ha intervistato George Young che è gestore di portafoglio del Villere Balanced Fund, e che ha fatto i nomi di alcune small caps quotate a Wall Street