Il buon progresso messo a segno venerdì scorso, alimentato dal dato relativo all’occupazione del mese di aprile, pare destinato a lasciare il posto quest’oggi all’incertezza. La piazza azionaria americana si prepara ad avviare gli scambi senza particolari scossoni, visto che il future sull’S&P500 mostra un frazionale rialzo dello 0,02%, mentre quello sul Nasdaq100 sale dello 0,07%.
Per la seduta odierna non sono previsti aggiornamenti macro di rilievo e da una parte gli investitori guardano alla deciaione della Banca centrale di cinese di tagliare i tassi di riferimento per la terza volta in sei mesi, con l’obiettivo di sostenere l’economia. In Europa l’attenzione è rivolta sempre alla Grecia, anche in vista della riunione odierna dell’Eurogruppo, da cui però non sono attesi sviluppi decisivi e questo potrebbe contribuire a mantenere l’incertezza sul futuro del Paese ellenico.
Intanto sul fronte valutario si segnala l’apprezzamento del dollaro nei confronti dello yen, ma il biglietto verde guadagna posizioni anche rispetto all’euro. Tra le commodities nulla di rilevante da segnalare per il petrolio che si mantiene sui valori del close di venerdì scorso a ridosso dei 59,5 dollari al barile, mentre l’oro tenta di spingersi in avanti in area 1.190 dollari l’oncia.
Spostando lo sguardo sul versante societario, da seguire Dean Foods che nel primo trimestre ha riportato un utile per azione al netto delle voci straordinartie pari a 0,24 dollari, battendo le attese degli analisti che puntavano ad un eps di 0,17 dolari. In calo i ricavi che sono scesi da 2,34 a 2,05 miliardi di dollari, mentre per il trimestre in corso Dean Foods prevede di realizzare un utile per azione compreso tra 0,2 e 0,3 dollari.