La seduta odierna dovrebbe partire in moderato rialzo per la piazza azionaria americana, stando a quanto anticipato dai futures sui principali indici che vedono il contratto sull'S&P500 in rialzo dello 0,08%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che sale dello 0,13%.

Dal fronte macro sono arrivate indicazioni positive a partire dalle nuove richieste di sussidi di disoccupazione che nell'ultima settimana sono state pari a 229mila unità, in calo di 5mila unità rispetto alla lettura precedente ritoccata verso l'alto da 233mila a 234mila unità.
L'indicazone odierna si è rivelata migliore delle previsioni degli analisti che si erano preparati ad un rialzo a 235mila unità.

Bene anche il dato preliminare relativo alla produttività non agricola del terzo trimestre che ha evidenziato una variazione positiva del 3%, in rialzo rispetto all'1,5% dei tre mesi precedenti. Il dato ha battuto le aspettative del mercato che puntava ad un incremento meno marcato del 2%.

Meglio del previsto anche l'indicazione preliminare del costo unitario del lavoro che nel terzo trimestre ha registrato un rialzo dello 0,5%, in crescita rispetto alla rilevazione dei tre mesi precedenti rivista verso l'alto dallo 0,2% allo 0,3%. L'indicazione odierna è migliore delle attese della comunità finanziaria che aveva piazzato la sua scommessa su un rialzo dello 0,4%.

Da segnalare per oggi un discorso di Jerome Powell, membro della Fed, oltre al quale parlerà William Dudley, presidente della Fed di New York, ma è previsto anche un intervento di Raphael Bostic, a capo della Fed di Atlanta.
Attesa nel pomeriggio l'indicazione ufficiale del futuro presidente della Fed che secondo la stampa sarà Jerome Powell.