La seduta odierna dovrebbe partire a due velocità per la piazza azionaria americana, visto che il future sull'S&P500 viaggia a poca distanza dalla parità, mentre si spinge in avanti quello sul Nasdaq100 che sale dello 0,25%, sostenuto in particolare da Apple.

Prevale comunque una certa cautela dopo che alcuni indiscrezioni segnalano che l'amministrazione Trump sarebbe intenzionata a proporre dazi del 25% su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi.

La prudenza degli investitori è inoltre legata all'attesa per il responso odierno della Fed sui tassi di interesse, destinati a rimanere fermi nel range 1,75/2%. L'attenzione sarà rivolta alle indicazioni sul ritmo dei prossimi rialzi del costo del denaro.

Intanto sul fronte macro è stata diffusa la stima ADP che a luglio ha segnalato la creazione di 219mila nuovi posti di lavoro nel settore privato, in crescita rispetto alla rilevazione del mese precedente rivista al rialzo da 177mila a 181mila unità. Il dato odierno ha battuto le previsioni degli analisti che si erano preparati ad un calo a 175mila unità.

Il mercato attende di conoscere altri aggiornamenti macro che saranno diffusi dopo l'avvio degli scambi e si tratta del dato finale dell'indice PMI manifatturiero di luglio, per il quale si prevede una conferma della lettura preliminare a 55,5 punti rispetto ai 55,4 punti di giugno, mentre l'indice ISM manifatturiero a luglio dovrebbe scendere da 60,2 a 59,2 punti.

In calendario anche le spese per costruzioni che a giugno dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,3% rispetto allo 0,4% di maggio e nel pomeriggio sarà diffuso il report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.