Quest'ultima seduta della settimana dovrebbe partire bene per la piazza azionaria americana che si appresta a recuperare dopo il calo della vigilia. I futures sui principali indici viaggiano tutti in salita e in particolare il contratto sul'S&P500 avanza dell'1,08%, seguito da quello sul Nasdaq100 che si apprezza dello 0,93%.

A dare sostegno allo shopping contribuiscono le positive indicazioni arrivate dal fronte macro, visto che nel mese di gennaio le vendite al dettaglio hanno evidenziato una variazione positiva dello 0,2%, in linea con la lettura di dicembre che è stata rivista al rialzo da -0,1% a +0,2%. L'indicazione odierna si è rivelata migliore delle previsioni degli analisti che stimavano un incremento dello 0,1%.
Al netto della componente auto si è avuto un rialzo dello 0,1% rispetto al calo dello 0,1% del mese precedente, oltre le previsioni che parlavano di una rilevazione sulla parità.

Sempre a gennaio i prezzi alle importazioni hanno registrato una flessione dell'1,1%, in lieve recupero rispetto al calo dell'1,2% precedente. Il dato si è rivelato leggermente migliore delle aspettative del mercato che si era preparato ad una conferma della lettura precedente.

Il mercato attende di conoscere altri aggiornamento che saranno diffusi mezz'ora dopo l'avvio degli scambi. Si tratta del dato preliminare della fiducia Michigan di febbraio si stima una lettura a 93 punti, in rialzo rispetto ai 92 punti di gennaio. Per le scorte delle imprese a dicembre le attese parlano di una rilevazione sulla parità, in recupero rispetto al calo dello 0,2% precedente.
Da segnalare un discorso di William Dudley, presidente della Fed di New York.