Dopo le nuove vendite di ieri, la piazza azionaria americana è caccia di spunti per provare a dare vita ad un rimbalzo che almeno in avvio dovrebbe materializzarsi. I futures sui principali indici infatti viaggiano in territorio positivo e vedono il contratto sull'S&P500 in rialzo dello 0,2%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che sale dello 0,28%.

Sul fronte macro è stato diffuso l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari che ha evidenziato una variazione positiva del 4,2% rispetto all'ottava precedente, mentre le domande di rifinanziamenti sono salite dell'1,7%.

Non ha avuto un impatto di rilievo l'aggiornamento relativo ai prezzi alle importazioni che ad agosto hanno evidenziato una variazione negativa dello 0,2%, in calo rispetto al rialzo dello 0,1% precedente e sotto le attese del mercato che puntava ad un incremento dello 0,1%.

Un'ora dopo l'avvio degli scambi si guarderà ai prezzi del petrolio visto che sarà diffuso il report sulle scorte strategiche Usa da parte del Dipartimento dell'energia.
Intanto il greggio viaggia in flessione riportandosi ad un passo dall'area dei 44,5 dollari al barile, mentre l'oro cerca di guadagnare posizioni poco al di sopra dei 1.321 dollari l'oncia.

Sul versante valutario il dollaro si conferma in recupero nei confronti dello yen, passando di mano in area 102,8, mentre il biglietto verde è debole rispetto all'euro che si spinge poco oltre quota 1,122.

Tra i vari titoli da seguire Monsanto che è stata conquistata da Bayer, visto che il gruppo tedesco ha reso noto di aver raggiunto un accordo per l'acquisto della società americana, a fronte di un esborso di 128 dollari per azione in contanti. Il prezzo presenta un premio del 21% rispetto al valore del close di ieri di Monsanto.