In risposta alla politica commerciale protezionistica ed isolazionista del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, la Cina ha annunciato l'imposizione di dazi su 128 prodotti americani.

La reazione a Wall Street è stata pessima visto che nella sessione odierna di scambi gli indici principali hanno chiuso in forte ribasso.

Nel dettaglio, il Nasdaq Composite ha perso al suono della campanella di chiusura il 2,74% a 6.870,12 punti con a ruota l'ampio indice S&P 500, -2,23% a 2.581,88 punti. Profondo rosso pure per il Dow Jones che ha perso l'1,90% a 23.644,19 punti.

La decisione della Cina, di inasprire i dazi sui prodotti USA, fa seguito alla decisione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump di introdurre, a sua volta, pesanti sanzioni, tariffe e dazi su acciaio, alluminio ed altre merci che gli States importano dalla Repubblica Popolare.

Mega caps tecnologia in netto rosso

Quella di Pasquetta 2018 oggi, lunedì 2 aprile, è stata una giornata no per tutte le mega caps del settore a partire da Amazon (AMZN), -4,38% a 1.371,99, e passando per Microsoft (MSFT), -3,01% a $ 88,52, Facebook (FB), -2,75% a $ 155,39, Alphabet (GOOG), -2,45% a $ 1.006,47, Intel (INTC), -6,07% a $ 48,92, NVIDIA (NVDA), -4,55% a  $ 221,05, e Netflix (NFLX), -5,10% a $ 280,29.

Intanto, anche oggi il Presidente Trump via Twitter si è scagliato contro Amazon e, nello stesso tempo, a difesa dei retailers che pagano interamente le tasse.



Titoli del settore aurifero in controtendenza

Tra i pochi settori in controtendenza oggi a Wall Street segnaliamo quello aurifero con Barrick Gold (ABX) che ha guadagnato al close l'1,49% a $ 12,64 in compagnia di Goldcorp (GG), +1,37% a $ 14,01, e di Randgold Resources (GOLD), +1,55% a $ 84,53.