Ma facciamo due conti: ad oggi gli utili dello S&P500 nel quarto trimestre assommano a circa 23,95$, moltiplicando per 4 abbiamo 95,8$ di utili annui. L’indice S&P500 vale 1519 nel momento in cui scrivo, ovvero abbiamo un PE calcolato sull’ultimo trimestre di 15,85. Una cifra già di per se piuttosto alta e che DEVE essere giustificata da un forte miglioramento dell’economia e del PIL mondiale.

Ricapitolando:

Tutti gli operatori di Wall Street sono “bullish”
I multipli attuali sono già elevati
Le aspettative di mercato sono al limite dell’irragionevolezza.
Siamo in bolla, e credo che ci sia almeno un motivo a breve termine per temerne lo scoppio. Non se ne parla ancora in europa ma, sappiate che tra due settimane, se il congresso americano non intereverrà, scatteranno tagli automatici di spesa pubblica per 1,2 triliardi di dollari (il così detto “Sequester” ricordate bene questo nome, diventerà famoso). Tagli che riguarderanno principalmente la difesa e che impatteranno in media per il -0,6% sul PIL americano.

La cosa divertente è che per ora il sotto indice difesa dello S&P500 viaggia sereno ai massimi storici, delle due l’una: o il mercato sconta qualcosa di non ancora ufficiale o sta prendendo una gigantesca cantonata.

Source: Ycharts

Bloomberg: – Democrats and Republicans in the U.S. Congress are nowhere near a plan to avert $1.2 trillion in spending cuts about two weeks before they are set to begin.
It’s the latest in a series of fiscal deadlines created by Congress that in the past two years took the U.S. to the brink of a debt default, a government shutdown and middle-class tax increases that neither party wanted. Unless lawmakers act, the across-the-board spending reductions will begin March 1.