Wall Street lascia avanzare solo il Nasdaq. Buone notizie dal fronte macro

In rialzo Bank of America e Jp Morgan al Dow, in rosso Amex. Frizzante rally per Palm: la morte di Michael Jackson spinge in avanti Amazon, Google e eBay.

L’ultima settimana di giugno si è conclusa con una seduta priva di particolari emozioni per la piazza azionaria americana che ha mostrato non poca incertezza, la stessa che si legge nella chiusura due velocità dei tre indici principali. Dopo il rally della vigilia, le prese di profitto hanno fatto la loro comparsa da subito, nonostante le indicazioni nel complesso incoraggianti arrivate dal fronte macro. Nel mese di maggio i redditi personali hanno segnato una crescita dell’1,4%, in deciso recupero rispetto ala lettura precedente e ben al di sopra delle attese che prevedevano un progresso dello 0,3%. Nessuna sorpresa invece per le spese al consumo che hanno riportato una variazione positiva dello 0,3%, in linea con le stime, al pari dell’indice core PCE che è salito dello 0,1%, rispettando anch’esso le aspettative della comunità finanziaria. La vera notizia inattesa di oggi è stata quella relativa alla fiducia Michigan che nella versione rivista di giugno si è attestata a 70,8 punti, rispetto ai 69 della lettura preliminare e ai 68,7 del mese precedente. il dato, che ha riportato sui livelli più alti da febbraio dello scorso anno, ha battuto ampiamente le attese del mercato che puntava ad una salita meno corposa a 69 punti. Questo però non è bastato ad offrire sostegno agli indici che hanno mostrato una certa cautela, in vista anche del week-end e all’indomani del più importante rialzo di questo mese. A fine giornata così il Dow Jones e l’S&P500 non hanno evitato il segno meno, cedendo rispettivamente lo 0,4% e lo 0,15%. Diversa la situazione per il Nasdaq Composite che si è fermato a 1.838,22 punti, con un progresso dello 0,47%, dopo aver toccato un massimo a 1.840 e un minimo a 1.816 punti.