La settimana pare destinata a chiudersi in bellezza per la piazza azionaria americana che, dopo la conclusione positiva di ieri, guadagna ancora terreno, co i tre indici principali in rialzo di circa un punto percentuale.
A regalare buonumore agli investitori ha contribuito senza dubbio il report sull'occupazione, da cui sono arrivate ottime notizie per l'economia a stelle e strisce.

Disoccupazione ferma a febbraio, in forte rialzo i non farm payrolls

A febbraio il tasso di disoccupazione è rimasto fermo al 4,1%, deludendo le attese del mercato che si era preparato ad un calo al 4%. L'attenzione degli investitori però è stata calamitata delle indicazioni sui non far payrolls, ossia sui nuovi occupati nel settore non agricolo.

A febbraio si è avuto un saldo positivo di 313mila unità, in rialzo rispetto alla lettura precedente che è stata rivista verso l'alto da 200mila a 239ila unità. Il dato ha battuto le previsioni della comunità finanziaria che aveva piazzato la sua scommessa su 190mila unità. Da segnalare che anche la lettura di dicembre è stata rivisitata verso l'alto a 175mila unità, rispetto alle 148mila indicate in un primo momento.

Crescita dei salari inferiori alle stime

A deludere è stata la crescita dei salari, visto che a febbraio la retribuzione media oraria si è attestata a 26,75 dollari, in rialzo dello 0,15% rispetto allo 0,2% stimato dagli analisti e in frenata in confronto all'incremento dello o0,3% messo a segno a gennaio.
Su base annua il dato è salito del 2,6%, in calo rispetto alla rilevazione dep primo mese dell'anno rivista al ribasso dal 2,9% al 2,8% e al di sotto del 2,8% su cui aveva scommesso il mercato.