Dopo cinque sedute consecutive al rialzo, la piazza azionaria americana sembra intenzionata a prendersi una pausa di riflessione, come evidenziato dall'andamento dei futures sui principali indici che anticipano una partenza in rosso. Le prese di profitto potrebbero avere la meglio in avvio, visto che il contratto sull'S&P500 arretra dello 0,29%, seguito da quello sul Nasdaq100 che scende dello 0,37%.



Il sentiment del mercato è peggiorato leggermente dopo la diffusione dell'unico dato macro di oggi, che pure si è rivelato in linea con le attese. A dicembre infatti, l'indice dei prezzi al consumo ha evidenziato una variazione negativa dello 0,1%, in linea con le stime ma in calo rispetto alla lettura precedente fermatasi sulla parità.
La versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, è salita dello 0,2%, in linea con la lettura precedente e con le attese del mercato.

Gli investitori ieri hanno ricevuto ulteriori conferme da parte del presidente Powell sulla pazienza della Fed relativamente ai prossimi aumenti del costo del denaro. Intanto l'attenzione continua ad essere rivolta ai negoziati tra Cina e Stati Uniti sul commercio, sulla scia della notizia da cui si è appreso che entro fine mese il vice premier cinese volerà negli States per portare avanti le discussioni già iniziate in questi giorni.