Anche per la seduta odierna si prevede una partenza positiva per la piazza azionaria americana che pare intenzionata ad estendere il rialzo della vigilia. I futures sui principali indici viaggiano in rialzo e vedono il contratto sull'S&P500 in progresso dello 0,25%, seguito da quello sul Nasdaq100 che si apprezza dello 0,21%.

La buona intonazione del mercato viene confermata dopo la diffusione dei due dati macro in agenda per oggi, dei quali uno ha battuto le stime e l'altro no. Nell'ultima settimana le nuove richieste di sussidi di disoccupazione sono state pari a 211mila unità, perfettamente in linea con la lettura dell'ottava precedente. Il dato si è rivelato migliore delle previsioni degli analisti che si erano preparati ad un rialzo a 218mila unità.

Peggio del previsto invece l'indice dei prezzi al consumo che ad aprile ha evidenziato una variazione positiva dello 0,2%, in recupero rispetto al calo dello 0,1% precedente. Il dato è stato inferiore alle stime del mercato che si era preparato ad un rialzo dello 0,3%.
La versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, è salita dello 0,1%, in frenata rispetto allo 0,2% di marzo e al di sotto dello 0,2% atteso dagli analisti.

Sul fronte valutario il dollaro inverte la rotta nei confronti dello yen e ora scende a ridosso di area 109,3, ma il biglietto verde perde quota anche rispetto all'euro che risale la china raggiungendo quota 1,192.
Prosegue l'avanzata del petrolio che dopo il rally di ieri continua a spingersi in avanti al di sopra dei 71,5 dollari al barile, e tornano gli acquisti anche sull'oro che guadagna terreno e raggiunge quota 1.320,5 dollari l'oncia.