Sulla scia della chiusura positiva di ieri, anche la seduta odierna dovrebbe partire in rialzo per la piazza azionaria americana. I futures sui principali indici viaggiano al di sopra della parità e vedono il contratto sull'S&P500 in progresso dello 0,25%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che si apprezza dello 0,3%.

Per oggi non sono previsti dati macro di rilievo e si segnala solo l'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.
Sul fronte valutario intanto il dollaro perde terreno nei confronti dello yen, riportandosi in area 111, ma il biglietto verde arretra anche rispetto all'euro che risale la china e prova riconquistare la soglia di 1,16.

Acquisti sul petrolio che dopo il rialzo di ieri si spinge ancora in avanti, fotografato in area 69,7 dollari al barile, ma il segno più precede anche l'oro che sale in direzione dei 1.213,5 dollari l'oncia.

Tra i vari titoli segnaliamo Office Depot che nel secondo trimestre ha visto l'utile netto calare da 21 a 19 milioni di dollari, con un risultato per azione al netto delle voci straordinarie pari a 0,05 dollari al di sopra dei 3 cents attesi dal mercato.

I ricavi sono aumentati da 2,363 a 2,628 miliardi di dollari, battendo anche in questo caso le previsioni degli analisti fissate a 2,578 miliardi di dollari. Per l'intero esercizio in corso Office Depot si aspetta di realizzare un fatturato di 10,8 milioni di dollari, appena sotto i 10,9 miliardi su cui scommette la comunità finanziaria.

Sotto la lente anche Dean Foods che nel pre-mercato viaggia in caduta di quasi il 10% sulla scia dei conti trimestrali. Il gruppo ha archiviato il secondo trimestre con una perdita di 40,1 milioni di dollari,rispetto all'utile di 17,6 milioni dello scorso anno. Al netto delle voci straordinarie l'utile per azione è stato di 0,16 dollari, al di sopra dei 15 cents previsti dagli analisti.