Wall Street scalda i motori per un rimbalzo. Buone notizie dal fronte macro

Da seguire Best Buy dopo i conti trimestrali migliori delle attese, mentre in serata sarà la volta di Adobe Systems.

Dopo la pesante flessione di ieri, la piazza azionaria americana sembra intenzionata a dare vita ad un rimbalzo, stando a quanto segnalato dai futures sui principali indici. Il contratto sull’S&P500 avanza dello 0,4%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che procede in maniera più spedita con un vantaggio di quasi mezzo punto. I futures hanno incrementato i guadagni dopo la diffusione di alcuni dati macro, con i nuovi cantieri edili che hanno segnato un balzo in avanti del 17,2%, superando le attese del mercato, al pari delle licenze di costruzione che a maggio sono salite del 4%, oltre le stime. Sempre con riferimento al mese scorso, i prezzi alla produzione hanno segnato un rialzo dello 0,2% rispetto allo 0,6% previsto, mentre il dato “core” è calato dello 0,1%, a fronte della previsione del mercato per un rialzo dello 0,1%. Il mercato attende ora di conoscere il dato relativo alla produzione industriale, che sarà diffuso un quarto d’ora prima dell’avvio delle contrattazioni. Per il mese di maggio è atteso un calo dello 0,1%, in recupero rispetto alla contrazione dello 0,5% precedente, mentre la capacità di utilizzo degli impianti dovrebbe scendere dal 69,1% al 68,4%. Per le novità dal fronte societario segnaliamo che il vicepresidente di Boeing ha confermato il lancio del 787 entro il secondo trimestre di quest’anno. A consegnare i risultati del primo trimestre dell’esercizio fiscale in corso è stato Best Buy che ha riportato un calo del 15% degli utili, con un risultato per azione di 0,36 dollari, superiore alle stime. il fatturato ha segnato un progresso del 12% a 10,1 miliardi di dollari, mentre le vendite same-store sono calate dl 6,2%. Sempre in tema di risultati societari da segnalare Adobe Systems che in serata, dopo la chiusura dei listini, presenterà i conti degli ultimi tre mesi dai quali ci si attende un utile per azione di 0,35 dollari.