Wall Street schiacciata sui minimi di seduta. Pesano le tensioni geopolitiche

Salgono alcuni titoli difensivi al Dow, vendite sui finanziari e su Alcoa. Bene Apple al Nasdaq, in forte ribasso Nvidia.

Image

Il rientro agli scambi dopo la lunga pausa dell’ultimo week-end, legata alla festività di ieri del Memorial Day, non è avvenuto certo bene per la piazza azionaria americana che ha terminato gli scambi sui minimi intraday, con i tre indici principali tutti in netto calo. Nella prima parte della seduta, dopo un avvio debole, gli acquisti hanno avuto la meglio, sulla scia anche dei postivi dati macro diffusi mezz’ora dopo l’apertura. Nel mese di aprile le spese per le costruzioni hanno segnato una variazione positiva del 2,7%, in netto rialzo rispetto alla lettura precedente che è stata rivista verso l’alto dallo 0,2% allo 0,4%, mentre il mercato si aspettava una rilevazione sulla parità. Indicazioni migliori del previsto anche per l’indice ISM non manifatturiero che a maggio si è attestato a 59,7 punti dai 60,4 del mese precedente, al di sopra delle previsioni della comunità finanziaria che aveva puntato la sua fiches per un dato a 59,4 punti. Tanto è bastato per sostenere i tre indici principali che nella seconda parte della seduta hanno accelerato al rialzo sostenuti dai rumors di un possibile intervento della BCE a sostegno dell’euro. L’effetto positivo di queste indiscrezioni però ha avuto vita breve, lasciando spazio ad un nuovo intervento dei ribassisti che si sono impadroniti del controllo della situazione. Ad appesantire l’umore degli investitori nel finale sono state le notizie riportate dall’agenzia stampa AFP secondo cui il Libano avrebbe attacco un aereo israeliano, contribuendo così a far aumentare la tensione in Medio Oriente. Il risultato è stato quello di uno scivolone nel finale che ha portato i tre indici principali a chiudere sui minimi di seduta. Il Dow Jones e l’S&P500 sono scesi rispettivamente dell‘1,11% e dell‘1,72%, mentre il Nasdaq Composite si è fermato a 2.222,33 punti, con un ribasso dell‘1,54%, dopo aver toccato un massimo a 2.276 e un minimo a 2.220 punti.