In linea con le attese, in data odierna la Federal Reserve ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse al 2,25-2,5%. Ma soprattutto la Banca centrale americana, che è attualmente guidata dal Presidente Jerome Powellha fatto sapere che al momento non intravede segnali tali per cui da qui a fine anno possa esserci un aumento del costo del denaro rispetto ai livelli attuali. Di conseguenza, eventuali rialzi dei tassi sono rinviati/rimandati al 2020



La reazione, da parte del mercato azionario americano, è stata mista con il Nasdaq Composite che ha guadagnato, al suono della campanella di chiusura, lo 0,07% a 7.728,97 punti, mentre l'S&P 500 ha perso lo 0,29% a 2.824,23 punti. Semaforo rosso al close pure per il Dow Jones, -0,55% a 25.745,67 punti, e per il listino delle mid-caps Russell 2000, -0,76% a 1.543,16 punti.