La seduta odierna dovrebbe partire in moderato rialzo per la piazza azionaria americana, stando a quanto anticipato dai future sui principali indici che si muovono sopra la parità, senza tuttavia far registrare variazioni percentuali di rilievo.

Il future sull'S&P500 mostra un lieve progresso dello 0,04%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che sale dello 0,21%.

Il mercato non ha registrato movimenti particolari dopo la diffusione del primo dato macro di oggi, rappresentato dalla bilancia commerciale che a novembre ha evidenziato un deficit pari a 49,31 miliardi di dollari, in contrazione rispetto alla lettura del mese precedente rivista da 55,49 a 55,7 miliardi di dollari.

L'indicazione odierna è stata migliore delle previsioni degli analisti che si erano preparati ad un deficit pari a 54 miliardi di dollari.

Per oggi erano in programa anche gli aggiornamenti sulla produttività non agricola del quarto trimestre e sul costo unitario del lavoro, ma non sono stati diffusi a causa del recente shutdown.

Si è appreso però che il costo unitario del lavoro del terzo trimestre è stato confermato in rialzo dello 0,9%. mentre la produttività non agricola, riferita allo stesso periodo, è stata rivista leggermente al ribasso al 2,2% rispetto al 2,3% indicato in un primo momento.

Il mercato mantiene un atteggiamento improntato alla cautela, dopo che dal discorso sullo Stato dell'Unione non sono arrivate particolari novità da Trump, mentre si sperava in qualche indicazione sulle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Sul fronte valutario intanto il dollaro è debole contro lo yen e viaggia poco sotto quota 109,8, mentre è in leggero vantaggio rispetto all'euro che scende in area 1,1390.