Dopo i rialzi messi a segno nelle ultime sedute, la cautela torna a farsi strada sulla piazza azionaria americana che oggi dovrebbe dare vita ad un avvio poco mosso. I futures sui principali indici si muovono in maniera contrastata, con variazioni percentuali molto contenute, visto che il contratto sull'S&P500 cede lo 0,02% e quello sul Nasdaq100 sale dello 0,14%.

Il mercato attende di conoscere alcuni aggiornamenti macro che saranno diffusi dopo l'avvio degli scambi e si tratta del dato finale dell'indice PMI servizi che a maggio dovrebbe confermare la lettura preliminare a 55,7 punti, in rialzo rispetto ai 54,6 punti della versione definitiva di aprile.
Per l'indice ISM servizi a maggio le attese parlano di un rialzo da 56,8 a 57,2 punti.

Sul fronte valutario intanto il dollaro indietreggia nei confronti dello yen passando di mano a quota 109,7, mentre il biglietto verde guadagna terreno rispetto all'euro che scende a 1,167.
Tra le commodities il petrolio continua a perdere posizioni raggiungendo quota 64,5 dollari l'oncia, mentre si muove a ridosso della parità l'oro che viaggia in direzione dei 1.293 dollari l'oncia.

I riflettori del mercato sono ancora puntati sul settore high-tech dopo che il Nasdaq ieri ha messo a segno un nuovo massimo storico. Lo stesso ha fatto Apple, spinto in avanti dalla presentazione di alcuni aggiornamenti di software che permetteranno agli iPhone più vecchi di funzionare più velocemente.

Corre nel pre-mercato Twitter che viaggia in rally di circa il 4% dopo la notizia relativa all'inserimento del titolo nell'indice S&P500 a partire da giovedì prossimo in sostituzione di Monsanto.