Per gli analisti di Banca Akros valgono un buy Cairo Communication con target price di 5 euro in scia ai dati sulla raccolta pubblicitaria, cresciuta del 13% su base annua a settembre, Leonardo con prezzo obiettivo di 13,25 euro (l’U.S. Air Force ha scelto l’elicottero MH-139, basato sull’AW139 di Leonardo), Pininfarina con fair value di 3,30 euro (la Cassazione ha rigettato il ricorso della Agenzia delle Entrate e conferma il comportamento della società in materia di Iva) e Telecom Italia con target di 1 euro (secondo indiscrezioni stampa fonti vicine a Elliott considererebbero positivo che si cominci a parlare di cessioni nel settore infrastrutture). Giudizio accumulate inoltre per Fiat Chrysler Automobiles con obiettivo di 20,50 euro (Moody’s ha migliorato l’outlook a positivo).

Ancora, Banca Imi assegna un buy a Banca Sistema con fair value di 3 euro (inizio copertura titolo), Enel con target price di 5,50 euro (nonostante il possibile ritardo dell’asta per Eletrobras), Guala Closures con fair value di 12,30 euro (emesso un bond da 450 mln di euro), Isagro con prezzo obiettivo di 2,10 euro, abbassato però dai precedenti 2,60 euro in scia alla semestrale, La Doria con fair value di 15 euro, abbassato tuttavia dai precedenti 17,60 euro dopo la semestrale e Telecom Italia con target di 1,05 euro. Giudizio add inoltre per Generali con obiettivo di 16,80 euro (i soci Caltagirone e Del Vecchio hanno chiesto più spinta propulsiva nel nuovo piano industriale in cantiere, con il ricorso eventualmente anche a un aumento di capitale per presidiare i mercati europei e rafforzare la quota di mercato) e Leonardo con fair value di 12,10 euro.