Banca Akros giudica buy: Cairo Communication con target price di 4 euro (risultati dei primi nove mesi in linea con le stime), Cellularline con prezzo obiettivo di 9,50 euro (fatturato nel terzo trimestre in linea con il consensus), El.En con fair value di 32,50 euro, alzato dai precedenti 25 euro dopo il miglioramento della guidance, Il Sole 24 Ore con target di 0,80 euro dopo la trimestrale e Saipem con obiettivo di 6,40 euro in scia a un nuovo ordinativo nel settore E&C offshore da 800 mln di dollari.

Giudizio accumulate inoltre per Azimut con target price di 20,50 euro (annunciato il progetto di entrare nel mercato private Usa), Datalogic con prezzo obiettivo di 19 euro dopo la conferma della guidance, Fiera Milano con fair value di 5,20 euro (terzo trimestre in linea con le attese e obiettivi 2020 rivisti al rialzo), Ima con target di 83,80 euro in scia ai risultati dei primi nove mesi dell’esercizio in corso, Marr con obiettivo di 23,40 euro (risultati dei primi neve mesi in linea con le attese), Rai Way con fair value di 6 euro dopo la trimestrale e Reply con target di 75 euro, alzato dai precedenti 61 euro dopo i risultati del terzo quarter.

Banca Imi assegna un buy a: Erg con prezzo obiettivo di 21,20 euro dopo i risultati trimestrali, Esprinet con target price di 6,40 euro, anche in questo caso in scia alla trimestrale, Fila con fair value di 16,30 euro dopo i risultati del terzo quarter, Giglio Group con target di 5,50 euro dopo il completamento dell’aumento di capitale attraverso Abb, Guala Closures con obiettivo di 9,90 euro dopo i risultati del trimestre, Hera con target di 4,40 euro in scia alla trimestrale e Telecom Italia con obiettivo di 0,62 euro (invitati i fondi infrastutturali a presentare un’offerta per la sua rete in fibra che collega i cabinet alla case accanto a una proposta per rilevare il 100% di Open Fiber).