Banca Akros assegna un buy a: Digitouch con prezzo obiettivo di 2,17 euro, tagliato però dai precedenti 2,30 euro a causa del debito netto più elevato e della riduzione, benchè modesta, delle stime di utile per il periodo 2019/2022 e Piaggio con target price di 3 euro in scia alla crescita ad aprile (+14% su base annua) delle vendite di moto e scooter sul mercato italiano.

Giudizio accumulate inoltre per: Erg con fair value di 20 euro dopo l’annuncio dell’ok a costruire un nuovo impianto eolico nel Regno Unito da 25 MW, Mediaset con obiettivo di 3,60 euro in vista della trimestrale in calendario il prossimo 14 maggio (8 maggio per Mediaset España), Rcs MediaGroup con target di 1,50 euro (trimestrale in calendario il prossimo 9 maggio), Recordati con fair value di 39,10 euro (trimestrale in programma all’8 maggio) e Tenaris con target di 16,50 euro dopo risultati i trimestrali diffusi ieri.

Banca Imi valuta buy: Coima Res con target price di 9,80 euro (oggi i risultati del primo quarter), Enel con prezzo obiettivo di 5,70 euro in vista dei risultati del primo trimestre in calendario il prossimo 8 maggio, Erg con fair value di 21,20 euro e Lu-Ve con obiettivo di 5,80 euro dopo l’acquisizione di AL Air Ex per 67,1 mln di euro.

Giudizio add inoltre per: Generali con target di 16,20 euro (completata la vendita di Generali Leben) e Italgas con obiettivo di 5,80 euro in scia al completamento di una serie di M&A.

Mediobanca giudica outperform: Autostrada To-Mi con target price di 24,30 euro e Sias con prezzo obiettivo di 16,30 euro dopo la trimestrale di Ecorodovias, Cairo Communication con fair value di 4,18 euro (Urbano Cairo sallito al 60,37% del capitale), Enel con target di 6,10 euro, Hera con obiettivo di 3,60 euro in scia all’obiettivo di arrivare ad avere tre mln di clienti, Interpump con fair value di 31,50 euro (trimestrale in calendario il 10 maggio), Iren con target di 2,70 euro in scia ai risultati del primo quarter, Poste Italiane con obiettivo di 11,30 euro in scia al piano di buyback, Telecom Italia con fair value di 0,76 euro (il fondo infrastrutturale F2i ha presentato un’offerta vincolante su Persidera, controllata di Telecom Italia, del valore di 240-250 milioni di euro, secondo due fonti), Tenaris con target price di 15,50 euro e Tinexta con prezzo obiettivo di 12 euro (esercitate le opzioni per acquisire il 20,25% 20.25% di Warrant Hub).