Mediobanca assegna un outperform ad A2a con target price di 1,70 euro (2i Rete Gas rinuncia alla sospensiva sulla gara di Milano), Enel con prezzo obiettivo di 5,40 euro (la controllata Enel Green Power scommette sulla crescita legata allo sviluppo della domanda di elettricità in Africa e investirà nel prossimo triennio circa un miliardo, di cui 700 milioni per nuovi progetti), Iren con fair value di 2,80 euro (secondo rumors il comune di Genova sarebbe interessato ad aumentare la propria quota nella società), Mediaset con target di 3,50 euro (il Tribunale Milano ha rigettato l’impugnazione di due delibere, approvate nell’assemblea di Mediaset del 27 giugno scorso da parte di Simon Fiduciaria, il trust che gestisce il 19,19% del capitale sociale del Biscione di proprietà di Vivendi, con mandato che prevede l’esercizio dei relativi diritti di voto) e Telecom Italia con obiettivo di 0,93 euro (il portavoce del primo azionista Vivendi è tornato a chiedere la convocazione dell’assemblea per la nomina dei revisori).

Banca Akros valuta buy Fila con prezzo obiettivo di 22 euro (aumento di capitale da 100 mln di euro tra il 3 e il 17 dicembre), Hera con target price di 3,30 euro (aumentata la quota nel mercato regolamentato per il biennio 2019-2020) e Leonardo con fair value di 13,25 euro (l’ad Alessandro Profumo ha detto che la società è disposta a valutare la situazione di Piaggio Aereo, attualmente in attesa che il governo nomini i commissari straordinari). Giudizio accumulate inoltre per Fca con 20 euro (un giudice del tribunale di San Francisco ha ordinato che il dipartimento della Giustizia Usa e il gruppo automobilistico tengano nuovi colloqui per arrivare a un accordo su una causa civile del governo sulle emissioni dei veicoli diesel del gruppo).