Equita valuta buy: A2a con target price di 1,83 euro (secondo la stampa l’utility avrebbe proposto alle autorità locali siciliane un piano di riconversione da 300 mln di euro dell’impianto di San Filippo Mela a Messina, attualmente considerato essenziale da Terna), Cnh Industrial con prezzo obiettivo di 12 euro benchè l’attuale incertezza macro offuschi gli obiettivi di business (ambiziosi a detta dell’itituto milanese) da qui al 2024, Enel con fair value di 7 euro in scia all’entrata nelll’indice EuroStoxx 50 e Fca con target di 14,50 euro dopo (Governo francese potrebbe valutare potenziali cambiamenti riguardo le partecipazioni incrociate dell’asse Nissan e Renault, che fanno parte dell’alleanza a tre con la giapponese Mitsubishi).

Banca Akros assegna un accumulate a: Fiat Chrysler Automobiles (Fca) con obiettivo di 14,70 euro in vista dell’annunciato investimento da 1 mld di euro nell’impianto di Pomigliano d’Arco per la produzione del nuovo suv Alfa Romeo Tonale della versione ibrida della Panda e Mediaset con target di 3,60 euro (via libera dalle assemblee di Mediaset e Mediaset Espana al riassetto in Mfe – Media For Europe, holding olandese in cui confluiranno tutte le attività del gruppo, compresa la partecipazione del 9,6% in ProSiebenSat1).

Mediobanca giudica outperform: Atlantia con obiettivo di 25,80 euro (secondo indiscrezioni stampa, sarebbe interessata nell’acquisizione dell’aeroport di Genova solo su espressa richiesta da parte delle autorità locali), Cnh Industrial con target di 13 euro, Enel con fair value di 6,70 euro e Maire Tecnimont con prezzo obiettivo di 4,60 euro (nuovi contratti in russia e in Europa per complessivi 90 mln di euro).