Equita assegna un buy a: Atlantia con target price di 25,80 euro (il business Telepass si allargherà anche alle polizze RC auto, sui 6,5 mln di clienti abbonati e attraverso Prima Assicurazioni nella fase iniziale e successivamene con l’apertura anche ad altri partners), Avio con prezzo obiettivo di 16,80 euro (risultati 1° semestre in linea con le stime ma per ora nessuna indicazione sugli effetti economico-finanziari derivanti dalla missione Vega fallita lo scorso luglio per la quale il management ha in corso approfondimenti), Pirelli & C. con fair value di 7,50 euro (a luglio buon andamento dell’High Value nel segmento ricambi) e Sit con target di 10 euro, ridotto però del 12% dopo risultati semestrali sotto le attese dell’utile e outlook ancora incerto nel segmento Heating.

Banca Akros valuta buy: Cellularline con obiettivo di 9,50 euro dopo la semestrale, Digital Bros con fair value di 8 euro (anche in questo caso dolo i risultati semestrali), El.En. con target di 25 euro, alzato dai precedenti 17 euro dopo i risultati del secondo semestre, Saipem con obiettivo di 6,40 euro (nuovo contratto in Nigeria da 2,7 mld di euro) e Telecom Italia con target di 0,77 euro (possibili dimissioni del presidente Fulvio Conti).

Giudizio inoltre accumulate per Banca Mediolanum con prezzo obiettivo di 7,20 euro (gli azionisti di maggiormanza hanno rimandato il rinnovo del patto), CNH Industrial con target price di 10,50 euro (Iveco Defence Vehicles ha attenuto un contratto da 500 mln di euro in Olanda) e I Grandi Viaggi con fair value di 1,80 euro, abbassato però dai precedenti 2,40 euro dopo la trimestrale.

Mediobanca giudica outperform: Atlantia con target price di 25,80 euro, Enav con prezzo obiettivo di 5,30 euro in scia alla crescita del traffico aereo ad agosto secondo l’ultimo report di Eurocontrol, Iren con fair value di 2,70 euro (Snam, secondo rumors, si starebbe accordando per acquistare il 49% di Olt Offshore Lng da Iren) e Telecom Italia con target di 0,76 euro.