Fidentiis assegna un buy a: Banco Bpm con target price di 2,70/2,90 euro in scia al ricevimento degli esiti aggiornati del processo annuale di revisione e valutazione prudenziale condotto dalla Bce (il Cet1 ratio da rispettare su base consolidata è pari al 9,385% secondo i criteri transitori per il 2020 e al 9,505% secondo i criteri a regime, contro, rispettivamente, il 13,76% e il 12,06% del gruppo) e Cnh Industrial con prezzo obiettivo di 13/14 euro dopo i dati sull’andamento delle vendite di trattori negli Usa a novembre.

Banca Akros giudica buy: Salcef con prezzo obiettivo di 12,50 euro (prevista la generazione di 110 milioni di euro in free cash flow nel periodo 2019/22 con un rapporto di conversione della liquidità superiore al 35% e un rendimento medio di circa il 5,5%).

Giudizio inoltre accumulate per Atlantia con fair value di 21,05 euro benchè Standard & Poor’s, in relazione alla persistente incertezza percepita sul quadro concessorio di Autostrade per l’Italia, abbia posto in CreditWatch negativo i rating di Atlantia e della controllata Autostrade per l’Italia, Azimut con target di 20,50 euro (il management è alla ricerca di acquisizioni negli Stati Uniti e nei mercati emergenti per aumentarne attività di gestione e distribuzione), Rai Way con target price di 6 euro (accordo con Rai per la realizzazione dei progressivi interventi sulla rete DTT richiesti dal processo di refarming) e UniCredit con obiettivo di 14,40 euro, alzato dai precedenti 13,80 euro in scia alla presentazione del nuovo piano strategico 2020-2023.

Equita assegna un buy a: Enel con prezzo obiettivo di 7,50 euro (l’Europa sosterrà lo sviluppo della mobilità elettrica anche con incentivi per 3.2mld di euro e per il gruppo italiano i potenziali contributi potrebbero arrivare a 100 mln), Fca con target price di 17,10 euro (in un’intervista rilasciata a Automotive News l’ad di Psa si è dichiarato fiducioso che il protocollo di intesa con Fca possa essere firmato a breve).