Ecco le principali raccomandazioni di oggi.

Per Banca Akros è buy su A2A con target price a 1,65 euro in vista di una possibile partnership, per la quale è in corso uno studio di fattibilità esteso di altri tre mesi, con Acsm-Agam, Aspem, Aevv e Lario Reti Holding. Buy anche su Carraro, il cui target è stato innalzato da 4,25 a 5,80 euro, alla luce del business plan rivelato lo scorso 26 settembre.

Accumulate da Akros invece su Diasorin (TP 82,50 euro) dopo che il gruppo ha rivisto al rialzo la guidance per il 2019 in vista del completamento dell’acquisizione del business immunodiagnostico di Siemens. Accumulate anche per Gedi, con target abbassato da 1 euro a 0,80 centesimi dopo il pagamento di una multa da 176 milioni di euro al fisco italiano.

Per Banca Imi è add su Fidia (TP 7,3) nonostante dei rallentamenti nelle consegne dovuti allo spostamento di un impianto. Stesso rating per Atlantia con target 27,5 euro, in scia all’avanzamento del deal Abertis; per Enav (TP 4,5) in vista di un possibile trasferimento di parte della quota posseduta dallo Stato a Cassa Depositi e Prestiti; per Rai Way (TP 5,1) dopo il trasferimento del Ceo Stefano Ciccotti, rimpiazzato da Aldo Mancino, nel management di Rai; per SeSa (TP 28) dopo la “lettera al risparmiatore” del management pubblicata su Il Sole 24 Ore a conferma degli obbiettivi aziendali.

Buy da Banca Imi per Indel B (TP 38,3) dopo l’aumento registrato di oltre il 15% nel fatturato del primo semestre.  Stesso giudizio per Ivs (TP 16,8) dopo l’acquisizione di Argenta da parte di Selecta e per Telecom Italia (TP 1,08) in scia agli sviluppi della vicenda legata alla rete golden power.