Equita assegna un buy ad A2a con prezzo obiettivo di 1,76 euro (i comuni di Monza, Como, Sondrio e Varese hanno approvato il progetto di fusione delle utilities lombarde), Atlantia con target price di 29,30 euro in scia al possibile miglioramento del dividendo con un incremento aggiuntivo del 30% se si chiuderà acquisizione di Abertis, Avio con fair value di 16,10 euro dopo i risultati preliminari del 2017 migliori delle stime, Cairo Communication con target di 5 euro anche in questo caso dopo i risultati dello scorso esercizio, Fila con obiettivo di 20,80 euro in vista dei risultati 2017 in calendario mercoledì prossimo, Leonardo con target di 11,80 euro (il mega contratto per gli elicotteri venduti al Qatar non è incluso nelle guidance) e Telecom Italia con obiettivo di 1,02 euro in scia alla proposta di Elliott di un CdA di indipendenti piu, forse, Genish.

Ancora, per Banca Imi valgono un buy A2a con prezzo obiettivo di 1,80 euro, Italiaonline con target price di 4,20 euro in scia ai risultati del 2017, Maire Tecnimont con obiettivo di 5,70 euro dopo i risultati dello scorso anno, Rcs Mediagroup con fair value di 1,55 euro (anche in questo caso dopo i risuiltati 2017), Telecom Italia con target price di 1,05 euro e Zignago Vetro con target di 9,60 euro in scia ai risultati 2017.

Sempre Banca Imi giudica inoltre add Alkemy con fair value di 14,60 euro dopo l’annuncio dell’acquisizione del 70% dell’italiana Nunatac, specializzata nell’analisi di big data, Atlantia con target price di 30,20 euro, Avio con prezzo obiettivo di 15,50 euro, Be con target price di 1,04 euro dopo i risultati 2017, Elica con target di 3 euro anche in questo caso in scia ai risultati del 2017, Fidia con obiettivo di 7,3 euro (risultati 2017), Leonardo con target di 12 euro e Vittoria Assicurazioni con obiettivo di 13 euro dopo i risultati.