Gli analisti di Equita Sim assegnano un buy ad Ansaldo Sts con prezzo obiettivo di 12,90 euro sebbene siano stati restituiti 45 mln di euro di anticipi per un problema a una commessa in Svezia, Atlantia con target price di 29,60 euro nonostante le offerta di Luftansa e Easyjet per Alitialia (che vale il 30% delle aviation revenues di Adr, controllata da Atlantia) sarebbero deludenti e si va incontro a un possibile taglio della flotta da 123 a 80 aerei, Cattolica Assicurazioni con fair value di 11,30 euro (secondo indiscrezioni stampa la trattativa con Banco Bpm si starebbe orientando su una valutazione pari a 1.2/1.3 mld per il 100% della joint venture e una quota del 60% acquistata dal gruppo assicurativo), Eni con obiettivo di 16,50 euro in scia alla conferma delle stime per l’Ebit 2017-2020, Mediobanca con target di 10,50 euro (ben posizionata per beneficiare della crescente pressione della Bce sugli NPEs e sul capitale) e Telecom Italia con prezzo obiettivo di 1,26 euro in vista del possibile obbligo di fatturazione mensile.

Proseguendo, per Banca Imi valgono un buy Acea con target price di 15,20 euro dopo i risultati del terzo trimestre in linea con il consensus, Banco Bpm con fair value di 3,80 euro in scia agli accordi per la nuova bancassurance con Cattolica, Eni con prezzo obiettivo di 17,50 euro, Piaggio con target di 2,60 euro dopo i risultati del terzo quarter e Telecom Italia con prezzo obiettivo di 1,08 euro.

Ancora, Banca Akros giudica buy BasicNet con target di 4,10 euro dopo i risultati dei primi nove mesi dell’esercizio in corso e Carraro con target price di 5,80 euro dopo i risultati del terzo trimestre e assegna un accumulate a Banca Sistema con prezzo obiettivo di 2,80 euro, abbassato però dai precedenti 3,20 euro dopo i risultati trimestrali, Piaggio con target di 3 euro, alzato dai precedenti 2,75 euro e Salini Impregilo con fair value di 3,80 euro (il management ha affermato che intende migliorare la liquidità del titolo).