Equita assegna un buy a: Acea con target price di 18 euro in scia al business plan al 2022, Atlantia con prezzo obiettivo di 24,60 euro (in merito alla delibera sul nuovo schema tariffario dell’Autorità dei Trasporti, Autostrade per l’Italia ha chiesto il rispetto dei contratti esistenti e è pronta a negoziazione), Mutuionline con fair value di 21,50 euro (potenziale di crescita di lungo termine della società grazie a un favorevole posizionamento competitivo in tutti i mercati presidiati: le stime 2019-2022 sono invariate e scontano un Eps CAGR del 6% con una maggiore visibilità rispetto al passato), Illimity Bank e doBank con target rispettivamente di 12,50 euro e 13,10 euro (entrambi gli istituti si contendono i 600 mln di euro di Npl di Mps) e Unicredit con obiettivo di 16,80 euro (possibile prossimo accordo con le autorità Usa su finanziamenti all’Iran e possibile interesse per Commerzbank secondo indiscrezioni stampa).

Banca Imi valuta buy: Be con prezzo obiettivo di 1,20 euro in scia all’annuncio di una nuova partnership strategica con Yolo, Eni con target price di 20,60 euro (accordo preliminare per aumentare la produzione di gas in Libia), Giglio Group con fair value di 6,20 euro (emesso un bond convertibile per un ammontare complessivo di 5 mln di euro e scadenza a otto anni), Unicredit con obiettivo di 14,30 euro e Unipol con target di 4,60 euro dopo uin roadshow della compagnia a Ginevra. Giudizio buy inoltre per Coima Res con fair value però ridotto a 9,80 euro dai precedenti 10,10 euro dopo i risultati del 2018, Orsero con target di 11,30 euro, tagliato dai precedenti 12 euro anche in questo caso dopo i risultati del 2018 e Valsoia con obiettivo di 16,50 euro ridotto dai precedenti 17,30 euro dopo i risultati.