Per gli analisti di Equita valgono un buy: Atlantia con target price di 24,60 euro (la procura avrebbe contestato a cinque ingegneri di Spea di aver alterato documenti sul ponte di Genova, ma la stessa Spea si dice serena sull’operato dei dipendenti), Avio con fair value di 16 euro (completato con successo il primo lancio dell`anno, il 14° successo di fila per il vettore Vega da quando è operativo), Enel con fair value di 6 euro in scia ai risultati 2018 in linea con le attese e alla conferma della guidance, Fila con target di 15,80 euro (durante la Star Conference 2019 in Borsa Italiana il management ha reiterato che la priorità del 2019 sarà il deleverage e l’estrazione delle sinergie), Ima con obiettivo di 70 euro (feedback dalla Star Conference) e Gima TT con fair value di 7,50 euro in scia alla guidance, Interpump con target price di 32 euro (inizio d’anno partito sopra le aspettative del management che quindi conferma con fiducia la guidance per i prossimi mesi), Pirelli con prezzo obiettivo di 7,90 euro (confermando i rumour circolati a fine febbraio Camfin avrebbe firmato un accordo relativo alla sottoscrizione di un aumento di capitale da 40 mln di euro da parte di Intesa, mossa che rafforza la holding controllata da Tronchetti), Poste Italiane con fair value di 9,60 euro dopo la presentazione nel Capital Markets Day e Telecom Italia con target di 0,60 euro (tentativi di conciliazione tra Elliott e Vivendi?).

Banca Imi assegna un buy a: Aeffe con target price di 3 euro (ordinativi 2019 in aumento su base annua del 6%), Autogrill con prezzo obiettivo di 10,40 euro dopo pannuncio che Elior sta discutendo con il fondo di private equity Pai, Avio con fair value di 3 euro, Elica con target di 2,90 euro (feedback dalla Star Conference), Fiera Milano con obiettivo di 5,50 euro (forte focus sulla razionalizzazione dei costi), Gamenet Group con fair value di 13,90 euro (feedback dalla Star Conference), Igd con target di 9,40 euro (possibile crescita per linne esterne), Piaggio con obiettivo di 2,60 euro dopo un roadshow a Ginevra, Prima Industrie con fair value di 29 euro (feedback dalla Star Conference), Telecom Italia con target di 0,61 euro e Valsoia con obiettivo di 17,30 euro in scia ai risultati del 2018.