Equita valuta buy: Anima Holding con prezzo obiettivo di 4,80 euro (presentato il primo fondo focalizzato sugli investimenti in private market), Autostrada TO-MI con target price di 27,20 euro (indicazioni positive sul fronte del dialogo e delle negoziazioni dalle dichiarazioni del nuovo presidente dell’ART il regolatore autostradale, Nicola Zaccheo), Banca Ifis con fair value di 12,30 euro in vista di una possibile partnership commerciale con IBL Banca per il recupero degli NPL, Eni con obiettivo di 10 euro dopo che il Cda deliberato un acconto sul dividendo di 0,12 con stacco il 21 settembre e pagamento il 23 settembre, Falck Renewable con target di 6,25 euro (piazzamento convertibile da 200 mln di euro con scadenza quinquennale), Mediobanca con fair value di 9 euro (Bollorè scende al 5.6% e si prepara a diluirisi ancora al 2%) e Rai Way con obiettivo di 7,30 euro (Goldman Sachs ha lanciato un piazzamento su 8,5 mln di titoli Rai Way a 5,65).

Fidentiis giudica buy: Autogrill con prezzo obiettivo però in revisione dopo che la partenrship con l’aereoporto di Amsterdam Schiphol è stata estesa al 2036 prevedendo per il periodo un fatturato complessivo di circa 1,8 miliardi di euro ed Nvp con target price di 4,20-4,70 euro (oggi la trimestrale).

Ubi Banca valuta buy: Moncler con fair value di 44,60 euro (inizio copertura titolo).

Intesa SanPaolo assegna un buy a: Centrale del Latte d’Italia con target price di 3,50 euro dopo la semestrale, Fca con prezzo obiettivo di 10,70 euro (rivisti i termini dell’accordo di fusione con Psa per rafforzare i bilanci delle due società e meglio fronteggiare l’impatto del coronavirus sul settore), Newlat Food con fair value di 8,20 euro in scia alla semestrale, Orsero con target di 7,30 euro, anche in questo caso dopo la semestrale, SeSa con target di 100,70 euro, alzato dai precedenti 65 euro dopo la trimestrale, Telecom Italia con obiettivo di 0,54 euro (l’ad di Fastweb sostiene che dal punto di vista industriale FiberCop rappresenta un’estensione di Flash Fiber e la sua fusione con Open Fiber per creare AccessCo come una conseguenza naturale) e Unipol con fair value di 4,60 euro (allo studio emissioni di green bond per un massimo di 750 mln di euro).

Giudizio add inoltre per Marr con prezzo obiettivo di 14,70 euro (il management si è detto fiducioso che il suo modello di business flessibile e la vicinanza ai clienti dovrebbero consentirle di guadagnare quote di mercato, anche grazie alla vendita di “prodotti con servizio”, che potrebbe aiutare il cliente ottimizzarne il costo per porzione).

Mediobanca giudica outperform: Enav con target price di 6 euro (il traffico aereo ad agosto ha registrato un calo del 50% circa su base annua, meglio del -63% dello scorso luglio), Enel con prezzo obiettivo di 8,60 euro (secondo indiscrezioni stampa Macquarie delibererà l’offerta vincolante per Open Fiber, valutandola 8 mld di euro da presentare al board di Enel del 17 settembre), Garofalo Health Care con fair value di 6,20 euro dopo che Confindustria ha comunicato l’aggiornamento mensile sui termini di pagamento delle Regioni agli operatori sanitari per il mese di luglio (tempistiche rimaste invariate sostanzialmente), Iren con target di 2,90 euro in scia al buyback, Nexi con obiettivo di 17 euro (negoziati in corso con SIA prima di firmare un accordo preliminare) e Pharmanutra con fair value di 27,60 euro (risultati semestrali migliori delle attese).

Ubi Banca valuta buy: Brunello Cucinelli con target di 35 euro (innaugurata una nuova boutique a Parigi).

Credit Suisse assegna un outperform a: STMicroelectronics con obiettivo di 28,50 euro.