I buy di oggi da Avio a Saipem

Banca Akros valuta buy: Avio con prezzo obiettivo di 18,50 euro.

Image

Banca Akros valuta buy: Avio con prezzo obiettivo di 18,50 euro (ha avuto successo il test del motore M10 per il futuro terzo stadio LOX-CH4 del razzo Vega E), Fca con target price di 17,50 euro (le discussioni per l’integrazione con Psa procedono bene ha confermato il gruppo transalpino) e Iren con fair value di 3,10 euro (ha firmato un contratto con Ansaldo Energia per un nuovo impianto combinato a ciclo di gas con un investimento di circa 180 milioni di euro).

Giudizio accumulate inoltre per Mediaset con obiettivo di 2,80 euro (Vivendi pronta per una nuova azione legale).

Equita giudica buy: Avio con obiettivo di 16,80 euro, Banco BPM con fair value di 2,90 euro (target del piano industriale al 2023 18% sopra le attese, nessuna guidance di breve ma sell-off eccessivo), Exor con target di 80 euro (PartnerRE ceduta a Covea per 9 mld di dollari), Inwit con obiettivo di 10,50 euro (Ardian e Predica vicini all’esclusiva per il 25% di Inwit messo in vendita da Tim, possibile ok dell’Antitrust venerdì prossimo), Iren con fair value di 3,15 euro e Saipem con obiettivo di 5,40 euro (la società ha confermato che sta attualmente commercializzando la nave di perforazione Saipem 10000).

Banca Imi assegna un buy a: Exor con prezzo obiettivo di 78,10 euro dopo i risultati di PartnerRe, Fila con target price di 17,40 euro dopo il completamento dell’acquisizione di Arches, Fca con fair value di 15 euro, Leonardo con obiettivo di 14 euro (il 12 marzo programma i risultati preliminari del 2019), Piaggio con target di 3,40 euro dopo i dati sulle vendite di moto e scooter in Italia a febbraio, Sanlorenzo con fair value di 22,20 euro (Confindustria Nautica ha dichiarato che attualmente l’attività manifatturiera per il settore in Italia sta avanzando regolarmente senza ritardi nell’esecuzione degli ordini) e Telecom Italia con obiettivo di 0,62 euro (indiscrezioni stampa in merito a un rapporto dell’intelligence italiana su una potenziale speculazione finanziaria di alcuni fondi esteri che acquisiscono partecipazioni strategiche società quotate che operano nel settore chiave del Paese).