Banca Imi giudica buy: Abitare In con target price di 54,90 euro (finalizzato l’acquisto del complesso Corvetto a Milano) e illimity con target price di 10,30 euro in scia all’entrata nel settore dei crediti distressed energy.

Giudizio add inoltre per Enel con fair value di 7,60 euro (annunciata la chiusura dell’impianto cileno a carbone denominato Bocamina) e Poste Italiane con obiettivo di 9 euro, ridotto però dai precedenti 9,50 euro in vista, a detta dell’istituto, di uno scenario in si prospettano ricavi più deboli.

Banca Akros giudica buy: Avio con target di 14 euro in scia alla presentazione fatta dal management durante la Virtual Star Conference di Borsa Italiana, Banca Sistema con obiettivo di 2,10 euro (feedback dalla Star Conference), Cellularline con fair value di 8 euro (feedback dalla Star Conference), Digital Bros con target di 24,50 euro (feedback dalla Star Conference), El.En con obiettivo di 22 euro (feedback dalla Star Conference), Enel con fair value di 8 euro dopo l’annuncio dell’aumento della quota in Enel Americas al 62,3%, Fca con target di 10 euro (sace ha approvato il maxi-finanziamento garantito dallo Stato italiano), Fiera Milano con obiettivo di 6,20 euro (il presidente della fondazione Fiera Milano ha affermato che il gruppo potrebbe crescere ulteriormente attraverso un processo di M&A), Gpi con fair value di 11 euro (annunciati due nuovi deal), Leonardo con target di 8,50 euro (nuovi contratti in Usa e Spagna), Shedir Pharma con obiettivo di 6,70 euro (feedback dalla Virtual Aim Conference di Borsa Italiana), Tamburi Investment Partners con fair value di 7,20 euro (feedback dalla Star Conference) e Unieuro con target di 5 euro (feedback dalla Star Conference).

Giudizio accumulate inoltre per Atlantia con obiettivo di 17 euro (il ceo ha affermato che è alla ricerca di partner per ASPI), Banca Ifis con fair value di 10 euro (feedback dalla Star Conference), Fila con target di 10,20 euro (feedback dalla Star Conference), Ima con obiettivo di 66,40 euro (feedback dalla Star Conference), e Ubi Banca con fair value di 3,20 euro (intervista del ceo Massiah a Repubblica).

Fidentiis assegna un buy: Abitare In con prezzo obiettivo di 56-52 euro, Cerved con fair value di 7,50-8,50 euro (Emanuele Bona nominato nuovo Cfo del gruppo), Leonardo con target price di 8,50- 8,00 euro (ha annunciato che la sua controllata statunitense Selex si è aggiudicata un contratto dalla Federal Aviation Administration Usa per continuare a costruire il sistema di misurazione della distanza DME) ed Nvp con obiettivo di 4,20-4,70 euro (il campionato di Serie A di calcio e ha annunciato una nuova tax credit da 500mila euro per i costi di Ipo sostenuti nel 2019).

Mediobanca valuta outperform: Enel con target price di 8,60 euro, Exor con fair value di 62 euro dopo che S&P ha confermato il rating a BBB+, Iren con prezzo obiettivo di 2,80 euro l’ad della società ha affermato che il settore delle utility potrebbe accelerare gli investimenti nelle infrastrutture a patto però di una semplificazione dei processi di autorizzazione, Recordati con target di 44,50 euro (Recordati Rare Diseases ha annunciato la piena disponibilità del farmaco Isturisa per la vendita e la distribuzione negli Stati Uniti), SeSa con obiettivo di 60 euro (annunciato l’acquisto di una quota di maggioranza di Analytics Network e SPS) e Tinexta con fair value di 14 euro (in una intervista l’ad Andrea Chevallard ha ribadito l’impegno nel processo di M&A).

Equita assegna un buy a: Fiera Milano con target di 5,25 euro in scia alla relazione fatta dal management alla Star Virtual Conference di Borsa Italiana, Newlat Food con obiettivo di 8,50 euro (feedback Star Virtual Conference) e Sabaf con fair value di 15 euro (feedback dalla Star Conference).

Exane giudica outperform: Bper Banca con obiettivo di 3,10 euro, Ubi Banca con target di 3,60 euro e Unicredit con fair value di 11 euro.