Banca Akros giudica buy: Avio con target price di 14 euro (siglato un nuovo contratto da 50 mln di euro con MBDA France), Cairo Communication con prezzo obiettivo di 2,60 euro in scia alla presentazione e all’outlook fatto dal management durante la Star Virtual Conference di Borsa Italiana e Openjobmetis con fair value di 8,30 euro, anche in questo caso dopo la presentazione alla Star Virtual Conference di Borsa Italiana.

Giudizio inoltre accumulate per Atlantia con target di 17 euro (secondo indiscrezioni stampa, Unicredit avrebbe dato il via libera a un euro 1,2 miliardi di euro di finanziamenti sostenuti dal Governo), Il Sole 24 Ore con obiettivo di 0,64 euro, ridotti però dai precedenti 0,70 euro (riveste le stime per il biennio 2020-2022), Italgas con fair value di 5,70 euro (acquisito il 15% della piemontese Reti Distribuzione), Prysmian con target di 21 euro (nuovo contratto da 270 mln di euro), Reply con obiettivo di 70 euro dopo la presentazione alla Star Virtual Conference di Borsa Italiana e UBI Banca con fair value di 3,20 euro (il Cda ha avviato un’azione legale per accertare in tribunale che l’avveramento della clausola di material adverse change abbia fatto cessare gli effetti dell’offerta di scambio annunciata da Intesa Sanpaolo inclusa la cosiddetta passivity rule).

Banca Imi assegna un buy a: Ascopiave con target di 4,10 euro dopo la presentazione alla Star Virtual Conference di Borsa Italiana, Avio con obiettivo di 16,20 euro, Banca IFIS con fair value di 10,10 euro (Star Virtual Conference), Banca Sistema con target di 2,20 euro (Star Virtual Conference), Biesse con fair value di 12 euro (Star Virtual Conference), Cellularline con fair value di 9,10 euro (Star Virtual Conference), D’Amico International Shipping con target di 0,38 euro (Star Virtual Conference), De’ Longhi con obiettivo di 16,80 euro (Star Virtual Conference), Esprinet con fair value di 6 euro (Star Virtual Conference), Guala Closures con target di 9 euro (Star Virtual Conference), Orsero con obiettivo di 7,30 euro (Star Virtual Conference) e Zignago Vetro con fair value di 14,60 euro (Star Virtual Conference).

Giudizio inoltre add, sempre in scia alla Star Virtual Conference per Elica con target di 3,40 euro, Igd con obiettivo di 4,10 euro e Irce con target di 1,75 euro. Ancora, Italgas con fair value di 5,80 euro e Prysmian con obiettivo di 18 euro.

Fidentiis giudica buy: Italgas con target di 6,10-6,30 euro e Prysmian con obiettivo di 21,50-22,50 euro.

Mediobanca valuta outperform: Iren con target price di 2,80 euro (il presidente Renato Boero afferma che il gruppo intende continuare a crescere attraverlo l’M&A, con focus nelle regioni dell’Emilia Romagna, Toscana e Valle d’Aosta), Nexi con prezzo obiettivo di 17 euro (l’Eba chiede di aumentare il limite per i pagamenti contactless a 50 euro), Snam con fair value di 4,80 euro (Quotidiano Energia ha scritto che il Tap, il Trans Adriatic Pipeline ha avviato la fase iniziale di test) e Telecom Italia con target di 0,68 euro (Tim ha acquisito Noovle per accelerare il business del cloud).

Equita assegna un buy a: A2a con target di 1,75 euro nonostante alcune opposizioni locali contro l’accordo con Agam Verona e Aim Vicenza, Enel con fair value di 8,10 euro (possibile interessamento per gli assets di distribuzione elettrica in India messi in vendita da Reliance Infrastructure), Eni con obiettivo di 11 euro in scia alla potenziale vendita degli asset in Australia, Fca con target di 9,90 euro (possibile finanziamento di 6,3 mld di euro) e Telecom Italia con fair value di 0,47 euro.