Banca Akros assegna un buy a: Enel con target price di 9 euro in scia alla presentazione del business plan 2021-2023, Telecom Italia con prezzo obiettivo di 0,56 euro (i ministri dell’Economia e dello Sviluppo economico hanno affermato che il progetto di realizzazione di una rete nazionale unica a banda larga è di importanza strategica, “urgente e non rinviabile”) e Unieuro con fair value di 14 euro in vista dei possibili per le tv DVB-T2.

Giudizio accumulate inoltre per Atlantia con obiettivo di 17 euro (S&P Global Ratings ha assegnato a un green bond da 300 mln di euro di Aeroporti di Roma uno score E2/69 in base alla propria scala di valutazione per le transazioni green).

Fidentiis giudica buy: Abitare In con obiettivo di 56-62 euro (oggi i primi dati previsionali sull’andamento dell’esercizio 2020), Saras con target di 1,20-1,30 euro in scia all’andamento del benchmark del margine di  raffinazione e Telecom Italia con fair value di 0,70-0,80 euro.

Equita assegna un buy a: Cementir con obiettivo di 7,70 euro (Francesco Gaetano Caltagirone sale all’87.6% di Caltagirone SPA rilevando la quota di Edoardo Caltagirone), Enel con target di 8,50 euro, Garofalo Health Care con fair value di 5,75 euro (outlook positivo e strategia di M&A confermata), Nexi con target di 18 euro (pubblicato il regolamento per il bonus cash back di Natale) e Telecom Italia con fair value di 0,47 euro.

Intesa Sanpaolo giudica buy: Banca Ifis con obiettivo di 11,70 euro, alzato dai precedenti 11,30 euro in scia alla trimestrale, Italgas con target di 6 euro dopo il lancio di Savegas, un servizio che offre interventi di efficientamento energetico degli immobili con la formula “chiavi in mano” funzionali a ridurre i costi in bolletta fino al 30% e aumentare il valore patrimoniale degli stessi immobili, Sicit con target di 13,70 euro, alzato dai precedenti 12 euro, Telecom Italia con fair value di 0,54 euro e Valsoia con obiettivo di 17,20 euro (acquisito il brand Loriana).

Giudizio add inoltre per Enel con target di 8,80 euro e Terna con obiettivo di 7,10 euro (ha avviato i lavori per il creazione di un nuovo collegamento tra Italia e Austria per un valore di circa 85 mln di euro investimenti).

Mediobanca valuta outperform: Astm con prezzo obiettivo di 27,40 euro (secondo il Sole 24 Ore il piano finanziario per la nuova concessione dell’autostrada A10 e A12 includerebbe un cap all’annuale incremento tariffario dell’1,91% negli 11,5 anni di vita della concessione), Bper Banca con target price di 2,05 euro (confermato l’interesse a valutare possibili operazioni di M&A e ha detto di accogliere con piacere le dichiarazioni dell’ad di Unipol in merito alle ipotesi di una fusione tra la partecipata Bper e Banco Bpm), Comer Industries con fair value di 15,90 euro a seguito di una ripresa più rapida del previsto anche dell’attività agricola come di un’accelerazione nel settore delle costruzioni in Cina, Enav con fair value di 5,20 euro in vista del business plan 2021-2024 che dovrebbe includere ulteriori riduzione dei costi, enel con obiettivo di 8,60 euro (Enel X ha lanciato dei servizi di mobilità elettrica in Cina), Franchi Umberto Marmi con target di 10,40 euro (inizio copertura titolo), Hera con fair value di 4 euro (creata una joint venture con Eni per la gestione dei rifiuti a Ravenna), Iren con obiettivo di 3 euro (nuova tranche di buyback fino a 10,5 mln di azioni), Salcef con target di 13,30 euro (a detta del management gli ordinativi aumenteranno in modo significativo nei prossimi trimestri), Snam con fair value di 5 euro (secondo rumors Desfa potrebbe essersi aggiudicata l’appalto per la gestione del rigassificatore del Kuwait) e Telecom Italia con obiettivo di 0,63 euro (il management non si aspetta che Iliad inizi una guerra dei prezzi della banda larga in Italia).

JP Morgan giudica overweight: Intesa SanPaolo con fair value di 2,40 euro, alzato dai precedenti 2,20 euro.

Ubi Banca assegna un buy a: Brunello Cucinelli con target price di 36,50 euro in scia alla trimestrale.