Equita assegna un buy a: Atlantia con target price di 25,80 euro in scia alla gara a quattro per la cessione di Telepass (Apax, Partners Group, Warburg Pincus e la cordata italiana composta da Fsi, Sia e Generali), Avio con prezzo obiettivo di 16,80 euro (smentita ipotesi spionaggio industriale), Enel con fair value di 7 euro (possibile cessione degli assets in Romania), Eni con target di 20 euro (possibile acquisizione degli asset norvegesi da ExxonMobile), Fca con obiettivo di 14,50 euro sebbene il Ministro dell’Economia francese Le Maire abba ribadito che allo stato attuale il focus è esclusivamente sul rafforzamento dell’alleanza con di Renault con Nissan, Italian Exhibition Group con fair value di 5,30 euro (secondo diverse fonti di stampa, l’edizione di settembre del VicenzaOro avrebbe registrato un numero di partecipazioni record con oltre 1.300 espositori da 130 nazioni differenti), Ivs con target price di 11,30 euro (dopo un secondo trimestre difficile e non soddisfacente il management si auspica di migliorare nel secondo semestre con l’obiettivo di arrivare ad un Ebitda 2019 in leggera crescita su base annua), Moncler con prezzo obiettivo di 44 euro in scia alla conferma della guidance e Sit con fair value di 11,40 euro dopo i recenti investimenti nella componentistica per la gestione dell’idrogeno nelle caldaie.

Banca Imi valuta buy: Enel con fair value di 6,70 euro, Eni con target di 20,30 euro, Guala Closures con obiettivo di 9,40 euro in vista della semestrale in calendario il 13 settembre e Iren con fair value di 3,40 euro, alzato dai precedenti 3 euro (possibile accordi di M&A).

Giudizio add inoltre per Banca Mediolanum con prezzo obiettivo di 7,60 euro, alzato dai precedenti 7 euro in scia ai flussi della raccolta.