Banca Akros giudica buy: Leonardo con target price di 15,50 euro (il presidente Mattarella è in visita in Qatar e ciò potrebbe favorire nuovi accordi e commesse per il gruppo italiano).

Giudizio accumulate inoltre per Atlantia con prezzo obiettivo di 25 euro (Italia Viva ha depositato un emendamento soppressivo della norma inserita dal governo nel Decreto Milleproroghe che limita i risarcimenti al concessionario inadempiente per la revoca della concessione, scrive Il Messaggero, citando una fonte del partito di Matteo Renzi secondo cui l’emendamento non passerà) e Fincantieri con fair value di 1,20 euro in scia a un nuovo contratto da 2 mld di euro ottenudo da Chantiers de l’Atlantique.

Banca Imi assegna un buy a: Cairo Communication con target di 2,80 euro e Rcs Mediagroup con obiettivo di 1,20 euro (secondo Lettera43, la disputa legale tra RCS and Blackstone è alla fase finale) ed Eni con fair value di 18,60 euro sebbene la National Oil Corporation libica abbia bloccato la produzione di petrolio dei campi onshore del Paese dopo che alcune milizie hanno fermato le infrastrutture di collegamento come porti, terminali e oleodotti (il gruppo italiano ha però reso noto che le proprie strutture bloccate riguardano la produzione di greggio onshore mentre quelle offshore e di gas sarebbero ancora in attività).

Giudizio add inoltre per Poste Italiane con target price di 10,30 euro (il gruppo ha preso parte a un finanziamento da 90 mln di euro alla piattaforma svedese di open banking Tink).

Fidentiis giudica buy: Saras con prezzo obiettivo di 1,80/1,90 euro in scia all’andamento del benchmark relativo ai margini di raffinazione.