Fidentiis giudica buy: Leonardo con target price di 8-8,50 euro (nuovo contratto per sviluppare un innovativa sistema di radar da 317 mln di sterline nel regno Unito), Piaggio & C. con prezzo obiettivo di 2,90-3,10 euro in scia all’incremento delle vendite di moto e scooter maggiori di 50 cc in Germania ad agosto (+59% su base annua) e Telecom Italia con fair value di 0,70-0,80 euro (secondo rumors stampa il Governo avrebbe avviato canali di comunicazione informali con Vivendi per capire le intenzioni del gruppo francese che, oltre ad essere azionista di maggioranza relativa di Tim, ha ora incassato anche la sentenza della Corte Ue che boccia il provvedimento di sterilizzazione di parte della sua partecipazione nel gruppo televisivo).

Intesa SanPaolo assegna un buy a: Credem con obiettivo di 6,10 euro in scia ai risultati del secondo trimestre migliori del consensus, Erg con target di 26,40 euro (ha dato mandato a un pool di banche a seguito di una richiesta degli investitori per l’emissione di un green bond da 500 mln di euro), Exor con fair value di 59,90 euro dopo la semestrale, Iren con obiettivo di 3,40 euro (la BEI ha approvato un prestito di 100 mln di euro per lo sviluppo della rete di teleriscaldamento a nord-est e nord-ovest zone di Torino), Juventus Fc con target di 1,37 euro (nonostante secondo Il Sole 24 Ore la sconfitta della Juventus nella stagione 2019-20 dovrebbe pesare sul bilancio circa 69 mln di euro, contro una perdita di circa 39,9 milioni nel 2018-19), Leonardo con fair value di 9 euro, Piaggio con obiettivo di 3,10 euro, Snam con fair value di 5,10 euro (possibile espansione di Rovigo Lng) e Telecom Italia con target di 0,54 euro.

Mediobanca giudica outperform: Enel con obiettivo di 8,60 euro (partnership con AMP Capital per lo sviluppo della mobilità elettrica in America), Erg con target di 23 euro, Exor con fair value di 62 euro, Interpump con obiettivo di 30,80 euro (buyback per 600mila azioni proprie), Iren con fair value di 2,90 euro, Snam con target di 5 euro, Telecom Italia con obiettivo di 0,68 euro e Tinexta con fair value di 20,50 euro in scia alla semestrale di Docusign.

Equita valuta buy: Eni con obiettivo di 10 euro (supporto di tutto il CDA alle modifiche di piano industriale per il cambio di scenario legato al prezzo degli idrocarburi e alla pandemia da Covid-19), Exor con target di 61 euro, illimity Bank con fair value di 10,40 euro in scia all’entrata nel segmento Star di Borsa Italiana, Leonardo con target di 9,20 euro e Telecom Italia con obiettivo di 0,47 euro.

Ubs assegna un buy a: Enel con obiettivo di 9 euro.

Kepler Cheuvreux giudica buy: Inwit con target di 11 euro ridotto però dai precedenti 11,50 euro.