Renault

Gli analisti di Jefferies alzano oggi da Hold a Buy il rating su Renault in reazione alla crisi aperta dall'arresto in Giappone di Carlos Ghosn, CEO della casa automobilistica francese e anima del progetto d'integrazione con Nissan.

Nella nota, la casa d'affari scrive che l'esito più probabile della vicenda - che ha intanto registrato ieri l'estromissione del manager dalla guida del gruppo giapponese - sarà un riequilibrio del processo dell'alleanza tra le due società, ossia una forte riduzione della partecipazione azionaria che Renault detiene nel capitale dell'alleato, attualmente al 43%, fin sotto il 15%: una tale operazione, scrive il broker, consentirebbe a Renault di ridurre il suo sconto di valutazione e raccogliere risorse tra i 6 e i 9 miliardi da utilizzare per una migliore allocazione del capitale.

Credit Suisse

Nel settore bancario, gli analisti di RBC abbassano il rating Credit Suisse da Outperform a Sector Perform, con prezzo obiettivo ridotto da 17,50 a 15 franchi, spiegando che il recente deterioramento dei mercati finanziari si è rapidamente riflesso sulla performance dell'istituto elvetico, i cui ricavi risentono del calo delle attività nel risparmio gestito e nell'investment banking: sono inoltre ristretti, aggiunge il broker, i margini per agire sulla leva della riduzione dei costi.

Vivendi

Segnaliamo infine che HSBC alza da Hold a Buy il giudizio su Vivendi, con prezzo obiettivo invariato a 25 euro, per tenere conto della recente debolezza borsistica.