FERRARI (RACE:IM)

Ieri la scelta di Societe Generale di migliorare la sua raccomandazione sul titolo di Maranello che da Sell è passato a Hold. Un ottitmismo che si è accompagnato anche ad un corposo rialzo del target price: da 94 a 130 dollari. Oggi è arrivato anche il giudizio di Jefferies che, invece, si è dimostrato diametralmente opposto e cioè un taglio che da Buy si è spostato su Hold. Il broker ha limato anche il t.p che da 125 è arrivato a 115 euro. Investimenti troppo forti in rapporto a una qualità degli utili definita bassa. In tutto questo il titolo oggi a Piazza Affari perde il 2,86% un quarto d'ora prima di mezzogiorno su un trading range che sulle 52 Settimane va da un minimo di 83,10 euro (02/01/2018) ad un massimo di 129,50 (15/06/2018).

 

STMICROELECTRONICS (STM:IM)

Buone notizie per il produttore di chip che, nonostante il momento difficile del settore hitech negli Usa, riesce a conservare la fiducia di Societe Generale, tanto da vantare un giudizio buy e un target price di 27 euro con conferma di essere ancora nella Premium List. Un traguardo che, però, non produce frutti a Piazza Affari dove il titolo alle 12 in punto, viaggia a -0,35%. Il trading range a 52 settimane va da un minimo di 14,00 euro (10/10/2018) ad un massimo di 22,98 euro (15/06/2018).

 

TELECOM ITALIA (TIT:IM)

Novità su Persidera società controllata da Telecom per il 70%. Ebbene l'ex monopolista sarebbe intenzionato a considerare le offerte di Isquare che offre 250 milioni per l’asset ma non esclude nemmeno Rai Way anche se, in questo caso, non si va oltre 200 milioni. Intanto la casa madre, cioè Telecom Italia da Exane si vede confermare un Underperform a 0,36 euro. Sul fronte delle quotazioni, il titolo gode di buona salute e alle 12.13 sfrutta un vantaggio dello 0,9% su un trading range a 52 settimane che da 0,477 del 02/10/2018 arriva al suo massimo il 10/04/2018 con 0,885 euro.