La boutique di gestione e ricerca quantitativa Finlabo SIM comunica gli aggiornamenti ai propri rating azionari. Tra i titoli che hanno avuto un miglioramento del rating questa settimana, ottenendo un giudizio “Positivo” o “Molto Positivo”, figurano: Esprinet, Lagardere, Deutsche Post, Fresenius, Italcementi, Italmobiliare, Saipem, ThyssenKrupp.
Sono stati invece declassati ad un livello Negativo o Molto Negativo i titoli: BNP Paribas e Save. Maurizio Scataglini, gestore di Finlabo SIM, commenta: “Tra i nuovi buy generati dal nostro sistema segnaliamo Saipem. Il gruppo dell’ingegneria petrolifera italiano ha archiviato un 2013 molto problematico e l’anno in corso dovrebbe essere di transizione e allo stesso tempo di rilancio. Si stanno già vedendo i primi risultati positivi: nonostante il primo trimestre 2014 abbia evidenziato un fatturato in diminuzione del 4,7% e margini reddituali in flessione, i nuovi ordini acquisiti salgono a 3,95 mld di euro, in aumento del 37% rispetto a quelli dello stesso periodo del 2013. A ciò si aggiunge l’appeal speculativo legato ad una possibile cessione di Saipem da parte dell’ ENI, dopo che il nuovo management del colosso petrolifero italiano ha manifestato l’intenzione di abbandonare tutte le attività non strategiche per focalizzarsi sul business del petrolio.
Tra le società che hanno subito una revisione negativa del rating vi è Save. Il gruppo italiano, attivo nella gestione aeroportuale e delle infrastrutture di mobilità, ha visto i ricavi del primo trimestre 2014 in leggera crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma con una marginalità in flessione. In borsa il titolo quota a multipli abbastanza elevati e il quadro tecnico mostra un andamento laterale delle quotazioni che dura ormai da più di sei mesi.”