Numerose case d'affari migliorano oggi le loro valutazioni della società di cybersicurezza Palo Alto Networks, che a Wall Street balza dell'8% dopo aver comunicato ieri sera, relativamente al suo secondo trimestre fiscale, utili e ricavi che hanno stracciato le previsioni di consenso (eps a $1,51 su ricavi a 711,2 milioni, contro pronostici fermi rispettivamente a $1,22 e $682 milioni), e annunciato un innalzamento della guidance e un nuovo programma di buyback.



Sul titolo, che come segnalato ieri aveva già raccolto indicazioni fortemente rialziste in avvicinamento alla pubblicazione dei conti, alzano oggi il target price Jefferies (a $296 da $249 con rating Buy invariato alla luce di risultati giudicati "impressionanti"), Deutsche Bank (Buy, tp a $305 da $265), Citi (Buy, tp a $279 da $234), Stifel (Buy, tp a $280 da $240 dati i risultati migliori delle attese "in tutte le voci principali" e numerosi annunci, soprattutto su Cortex XDR), Wedbush (Outperform, tp a $300 da $265: trimestre "stellare"), Maxim (Buy, tp a $304 da $280), Oppenheimer (Outperform, tp a $285 da $270), KeyBanc (Overweight, tp a $280 da $250), Wells Fargo (Outperform, tp a $325 da $275), e BMO Capital (Outperform, tp a $285 da $240: valutazione "ragionevole"); fuori dal coro Credit Suisse (con tp che sale a $190 da $160 ma rating  Underperform sulla base di una tesi negativa su tutto il settore).