5 centesimi rari: questa moneta vale 30 volte il suo valore nominale. Ecco quanto

Non sole Lire italiane. Tra le monete rare anche i centesimi di euro, sempre più odiati dagli italiani. Questa moneta da 5 centesimi potrebbe valere 30 volte il suo valore. Ecco di quale stiamo parlando e quanto vale.

5-centesimi-rari-questa-moneta-vale-30-volte-il-suo-valore-nominale-ecco-quanto

Non sole Lire italiane. Tra le monete rare anche i centesimi di euro, sempre più odiati dagli italiani. Questa moneta da 5 centesimi potrebbe valere 30 volte il suo valore.

Tra le nostre mani e nelle nostre tasche quotidianamente passano decine di monete e banconote. Nella nostra vita maneggiamo tantissimi pezzi, da quelli di taglio più grande alle monetine più piccole del nuovo conio.

Non è una novità che le monete non sono molto amate dagli italiani. quante volte al supermercato abbiamo finito per lasciare alla cassa la più piccola moneta dell’euro? Sicuramente tante ma tante volte. Le sue dimensioni ridotte e il suo valore praticamente nullo lo hanno resa la moneta più odiata per eccellenza.

Se soffermiamo l’attenzione su pezzi leggermente più grandi e facendoci un giro sui vari siti internet potremmo renderci subito conto che alcuni pezzi ed esemplari potrebbero valere una bella cifra.

Tante le monete rare in circolazione, ma un occhio di riguardo deve ricadere sulla seconda moneta più piccola del nuovo conio, i 5 centesimi di euro. Una in particolare potrebbe valere 30 volte il suo reale valore.

Non va dimenticato che affinchè una moneta venga considerata rara vanno prese in considerazione alcune variabili.

Alcune monete vengono considerate rare perché coniate in particolari occasioni o ricorrenze, oppure presentano errori di conio. In buona sostanza sono considerate rare se presentano caratteristiche che le rendono uniche rispetto a tutte le altre in circolazione e perciò molto ricercate dagli amanti della numismatica.

A definire i parametri entro cui una moneta è considerata rara ci ha pensato il portale Moneterare.net.

Il rispetto di questi parametri permette di stabilire il nuovo valore della moneta che pensiamo sia rara e di conseguenza avere nelle mani una moneta che potrebbe valere un bel po di soldi.

Certamente non sarà facile incappare in queste monete rare ma è molto facile imbattersi in collezionisti accaniti disposti a pagare un sacco di soldi.

A spingerli, naturalmente la passione per le monete rare e per il collezionismo.

Ma allora qual è la moneta da 5 centesimi più ricercata in Italia e quanto vale?

Vediamolo insieme.

5 centesimi rari: questa moneta vale 30 volte il suo valore nominale. Ecco quanto

In Europa ma anche in Italia si trovano una serie infinita di monete rare. Certamente tra i più ricercati troviamo le monete da 5 centesimi. Si tratta di monete che grazie al fatto di essere unici per bassa tiratura o errori di conio acquisiscono valori superiori rispetto al valore impresso sulla moneta.

Prima di stampare nuove monete, uno Stato deve seguire una serie di procedure come la scelta dell’immagine da imprimere, la richiesta alla zecca e la coniazione.

In circolazione ci sono molte monete rare tra le quali quelle da 5 centesimi.

Dal 2002 sono stati coniati milioni e milioni di pezzi da 5 centesimi. Molti sono sicuramente rari a causa di basse tirature, o per errori. Certo è che la moneta da 5 centesimi come tutte le altre hanno misure standard.

Ma in Italia quelle ritenute rare sono alcuni 5 centesimi rari del 2002. Si tratta di monete di primo conio.

Esistono nel primo conio della monetina alcune con errori ed imperfezioni che portano il valore del pezzo a toccare cifre di circa 100 euro.

Tra le monete più ambite dei 5 centesimi troviamo quella 2002 della Grecia e i 5 centesimi rari Colosseo 2002 che ha raggiunto 30 volte il suo normale valore.

Monete rare, questi i parametri da considerare

Il titolo di monete rare va acquisito in base a determinati parametri. In circolazione esistono diverse monete da 5 centesimi, provenienti anche da stati diversi, ma a renderli pezzi unici e monete rare tre sono gli indicatori da tenere in considerazione.

La tiratura limitata, ovvero il numero di pezzi in circolazione. Il numero molto basso ne fa aumentare certamente il valore.

L’errore di conio, ossia errori o deformazioni durante la stampa. I tratti particolari rendono la moneta un pezzo di enorme valore.

Ed infine c’è il conio commemorativo, ossia la stampa di alcuni pezzi fatti esclusivamente per celebrare un evento. Queste monete pertanto data la loro bassa tiratura acquisiscono un valore indescrivibile.

Monete rare, questo il segreto per capire se si tratta di un pezzo raro

Il segreto per capire se ci si trova davanti ad un pezzo raro è quello di sottoporlo all’analisi e all’occhio attento di un professionista del settore che ne verificherà l’usura e le qualità.

Oltre a ciò potrebbe essere molto utile andare a verificare sui vari siti internet di vendita online e di numismatica se i pezzi in nostro possesso sono effettivamente pezzi rari.