La speranza che l’accordo commerciale fra Usa e Cina fosse a portata di mano ha continuato a spingere il mercato americano all’inizio del 2020 dopo la buona chiusura dell’anno precedente. L’indice Morningstar US market dai primi di gennaio (fino al 30 del mese e in euro) ha guadagnato il 3,5% (+33,6% nel 2019).

Indice Morningstar US

Dati in euro aggiornati al 30 gennaio 2020

Fonte: Morningstar Direct

In questo quadro, a livello di fondi, ad approfittarne sono stati soprattutto quelli che puntano sulle Large cap growth che hanno deciso di mantenere la leadership detenuta anche nel 2019 (nel 2018, peraltro, era stato l’unico segmento Usa a chiudere in territorio positivo).

Nella tabella sotto sono indicate le categorie Morningstar in base al rendimento da inizio 2020 e la performance dell’anno scorso.

Andamento categorie Morningstar Usa

E’ arrivata la pace commerciale?

Gli operatori hanno tirato il primo sospiro di sollievo quando i delegati americani e quelli cinesi hanno firmato l’accordo detto di Fase 1 per arrivare, col tempo, a un agreementpiù completo:

  • Pechino ha acconsentito ad acquistare più prodotti americani per un ammontare di 200 miliardi di dollari in due anni.
  • In cambio l’America si è impegnata a non aumentare i dazi su 162 miliardi di dollari di esportazioni cinesi e a tagliare della metà il 15% dei dazi esistenti su altri 120 miliardi di prodotti cinesi (restano invece in vigore i dazi del 25% su 250 miliardi di dollari di esportazioni cinesi).