Come accade per ciascun mese, in particolare durante le giornate comprese tra la seconda e la terza settimana, sono in arrivo finalmente i pagamenti che saranno erogati da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale nei confronti di specifiche categorie di cittadini e di famiglie italiane, che rispondono a determinati requisiti di accesso e che hanno provveduto a presentare un’apposita domanda.

Si tratta, a questo proposito, dell’erogazione e del riconoscimento degli accrediti che l’Istituto previdenziale dovrà provvedere ad effettuare durante il mese, in ottemperanza delle disposizioni e delle regolamentazioni presentate da parte della squadra di lavoro del Governo italiano, in particolare per quanto riguarda quei benefici e quei sostegni che sono stati appositamente pensati per supportare i nuclei familiari ed i cittadini residenti nel territorio nazionale e che sono stati più duramente colpiti dalle conseguenze disastrose della diffusione e dell’arrivo dell’ondata di contagi da Coronavirus.

In tal senso, già durante la seconda settimana del mese di novembre, molti cittadini e beneficiari hanno effettivamente potuto osservare e ricevere sul proprio conto corrente bancario oppure postale, una serie di accrediti per quanto riguarda specifiche categorie di bonus e di misure economiche.

Tuttavia, un’altra grande fascia della popolazione è purtroppo ancora in attesa di ricevere i pagamenti da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, il quale ha ancora un altro po’ di tempo per poter elaborare e verificare i calcoli degli importi dei bonus e provvedere alla loro erogazione.

Dunque, all’interno del seguente articolo, vedremo nel dettaglio quali saranno tutti i bonus ed i sostegni che saranno erogati da parte dell’Istituto nel corso delle ultime settimane del mese di novembre, così da rassicurare tutti quegli utenti che sono ancora in attesa di ricevere i sostegni a cui hanno fatto domanda, come ad esempio l’indennità di disoccupazione NASpI, il bonus IRPEF, ma anche il reddito di emergenza, il reddito di cittadinanza, il bonus onnicomprensivo inps dal valore di 1.600 euro, oppure l’assegno previdenziale. 

In tal senso, nei prossimi paragrafi saranno anche effettivamente approfonditi tutti i requisiti e le condizioni di accesso che sono ritenute obbligatorie affinché i cittadini possano effettivamente beneficiare dei sostegni e dei bonus a cui hanno fatto domanda.

Quando è previsto l’accredito INPS per la NASpI a novembre

Sulla base del tradizionale calendario dei pagamenti predisposto da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, per quanto riguarda gli accrediti relativi all’indennità di disoccupazione NASpI, questi avverranno effettivamente a partire tra il decimo giorno del mese ed il quindicesimo giorno, dunque tra il 10 ed il 15 novembre. 

Si ricorda, in tal senso, che potranno effettivamente accedere all’indennità di disoccupazione esclusivamente quei cittadini che attualmente risultano essere disoccupati, e che quindi sono stati coinvolti dalla perdita del proprio lavoro, per delle motivazioni che non possono essere riconducibili alla propria volontà.

Tuttavia, in merito ai pagamenti INPS disposti per quanto riguarda l’indennità NASpI è opportuno chiarire che, questi potrebbero subire effettivamente delle modifiche per quanto riguarda il calendario degli accrediti, sulla base della data effettiva in cui il cittadino ha provveduto a presentare l’istanza presso l’Istituto. Per questo motivo, è sempre consigliabile fare affidamento direttamente al proprio fascicolo previdenziale, al fine di controllare online in maniera telematica il giorno previsto degli accrediti. 

Per ulteriori approfondimenti in merito all’indennità NASpI e agli importi mensili, è possibile prendere visione del video YouTube di Lucia Pirruccio:

 

Bonus IRPEF 2021: quando arriva il pagamento di novembre 

Per quanto concerne, invece, il bonus IRPEF, si ricorda che si tratta di un trattamento integrativo dal valore di 100 euro che è andato a sostituire il precedente bonus Renzi, e che è quindi previsto in favore di una specifica categoria di lavoratori italiani, nonché nei confronti di coloro i quali percepiscono già l’indennità di disoccupazione.

Per quanto riguarda questi ultimi, tale platea di cittadini disoccupati non dovrà provvedere alla presentazione di nessuna istanza al fine di ottenere il riconoscimento del bonus IRPEF, in quanto sarà lo stesso Istituto Nazionale Previdenza Sociale ad erogare la misura economica, che corrisponderà quindi ad un valore massimo annuale pari a 1.200 euro.

In merito alle date in cui sono stati fissati gli accrediti relativi al bonus IRPEF dal valore di 100 euro al mese, è importante evidenziare che questo trattamento integrativo nei casi in cui viene corrisposto nei confronti di quei cittadini che attualmente percepiscono anche l’indennità di disoccupazione della NASpI, non sarà pagato nella stessa data in cui viene accreditata la NASpI.

Nello specifico, per il mese di novembre 2021, l’Istituto Nazionale Previdenza Sociale dovrebbe provvedere all’erogazione del trattamento integrativo sulla disoccupazione NASpI a partire dal giorno martedì 16 novembre. Mentre, per coloro che invece percepiscono già un reddito da lavoro, il trattamento integrativo del bonus IRPEF sarà riconosciuto direttamente in busta paga dal datore di lavoro.

I pagamenti INPS per il reddito di emergenza e la cassa integrazione 

Nonostante i sostegni relativi al reddito di emergenza ed alla cassa integrazione rappresentano quella tipologia di misure economiche che sono state tra le prime ad essere state strutturate, formulate ed approvate da parte del Governo italiano al fine di far fronte all’emergenza epidemiologica del Coronavirus, è fondamentale sottolineare che ancora tantissimi cittadini ed utenti sono ancora in attesa di ricevere i pagamenti da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale.

In tal senso, per quanto riguarda la quarta rata del reddito di emergenza, prevista sulla base delle disposizioni inserite all’interno del testo del Decreto Sostegni Bis, questa dovrebbe essere erogata finalmente intorno alla fine del mese di novembre.

Effettivamente l’Istituto previdenziale ha fatto sapere alla popolazione di essere a lavoro per quanto riguarda l’inserimento degli esiti in relazione al riconoscimento della quarta rata. Per questo motivo, i pagamenti legati alla quarta ed ultima mensilità del reddito di emergenza potrebbero arrivare già a partire dai 7 giorni successivi alla data in cui l’utente ha ricevuto l’esito della domanda.

Invece, per coloro i quali sono ancora in attesa della propria cassa integrazione in deroga, questi dovrebbero ricevere entro la fine del mese gli ulteriori accrediti spettanti.

Calendario INPS di novembre per reddito di cittadinanza

Per quanto riguarda, invece, tutti quei cittadini che risultano essere titolari del diritto di accedere agli accrediti per il reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, anche per il mese di novembre sarà prevista da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale una duplica data dei pagamenti.

Effettivamente, per quanto riguarda coloro i quali dovranno recarsi presso gli uffici di Poste italiane del proprio comune di residenza, al fine di ritirare la carta reddito di cittadinanza intestata al proprio nucleo familiare, questi potranno accedere in anticipo agli accrediti della mensilità di novembre, già a partire dal 15 del mese. Tuttavia, occorre sottolineare che tale opportunità viene concessa esclusivamente nei confronti di quei cittadini che non hanno ancora ottenuto neanche una mensilità.

Invece, per tutti coloro che hanno già usufruire di una o anche più di una mensilità, i pagamenti relativi al reddito di cittadinanza, saranno accreditati all’interno dell’apposita carta elettronica direttamente alla fine del mese di novembre, durante le giornate comprese tra il giorno 26 e giorno 27 di novembre. 

Assegno unico e bonus bebè: quando arrivano a novembre

Il calendario dei pagamenti che saranno corrisposti durante il mese di novembre da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale prevede anche l’erogazione di una nuova misura economica nei confronti dei nuclei familiari che attualmente sono in attesa di ricevere il bonus bebè.

Si tratta di quel contributo economico a sostegno della natalità e della genitorialità, che consente di ottenere un importo differente sulla base del valore ISEE di riferimento durante l’intero primo anno di vita del nascituro, anche nei casi in cui si tratti di una adozione oppure di un affido pre-adottivo. 

In tal senso, gli accrediti relativi al bonus bebè 2021 avverranno direttamente sul proprio conto corrente, a partire dal 10 al 18 novembre, e faranno quindi riferimento alla mensilità del mese precedente. 

Per quanto riguarda, invece, i pagamenti legati all’assegno unico temporaneo, questi dovrebbero essere accreditati a partire dal 26 e 27 novembre, ovvero nella data prevista anche per quanto riguarda il reddito di cittadinanza. 

Calendario delle pensioni di dicembre: gli accrediti anticipati 

Sulla base delle nuove disposizioni fornite da parte della Protezione Civile, l’Istituto Nazionale Previdenza Sociale ha deciso di confermare anche per il mese di novembre e di dicembre la possibilità per i cittadini italiani pensionati di recarsi presso gli sportelli postali del proprio Comune in maniera anticipata, rispettando un calendario differenziato. 

In tal senso, l’Istituto in collaborazione con gli uffici di Poste Italiane non ha ancora reso note le date ufficiali per il calendario differenziato, il quale sarà distinto sulla base delle iniziali dei cognomi dei cittadini che dovranno ritirare la propria pensione in contanti.

A questo proposito, in attesa di notizie e comunicazioni certe da parte dell’Istituto, è verosimile che i pagamenti dovrebbero avvenire a partire dal 25 novembre per poi continuare fino al giorno mercoledì primo dicembre, seguendo le seguenti date:

  • Giovedì 25 novembre: iniziali cognome A e B;
  • Venerdì 26 novembre: iniziali cognome C e D: ;
  • Sabato 27 novembre: iniziale cognome da E a K;
  • Lunedì 29 novembre: iniziali cognome da L a O;
  • Martedì 30 novembre: iniziali cognomi P e R;
  • Mercoledì 1° dicembre: iniziali cognome da S a Z.