Case in affitto a soli 1 euro al mese in Sardegna: ecco chi può averle

In Italia, in un piccolo borgo della Sardegna c’è la possibilità di vivere in case in affitto a soli 1 euro al mese. Ecco come aderire al progetto.

affitto-1-euro-sardegna

Non si tratta di una fake news: in un piccolo bordo della Sardegna si può davvero decidere di prendere in affitto una casa a 1 euro al mese.

Stiamo parlando del progetto che prende il nome di “Case a 1 euro”, il cui obiettivo è proprio quello di permettere ai borghi piccoli italiani, spesso quasi abbandonati, di poter essere ripopolati.

Così, il borgo di Ollolai in Sardegna, ha deciso di intraprendere l’iniziativa delle case in affitto a 1 euro, al fine di accogliere lavoratori in modalità smart working, giovani che hanno appena terminato il proprio percorso formativo e non solo.

In questo articolo, quindi, andiamo a vedere nel dettaglio come funziona il progetto attraverso cui le persone potranno avere delle case in affitto a soli 1 euro al mese in Sardegna e come poter presentare domanda.

Case in affitto a 1 euro al mese: il progetto

Prima di andare a fornire la panoramica dettagliata dei requisiti per poter avere una casa in affitto a 1 euro al mese in Sardegna, e più precisamente nel piccolo borgo di Ollolai, è importante comprendere come funziona il progetto in questione.

Si tratta, infatti di un’iniziativa che sta prendendo piede già da qualche anno, richiamando l’attenzione non soltanto della comunità italiana ma anche internazionale.

Lo scopo fondamentale del progetto con cui si possono prendere case in affitto a un euro è quello di permettere ai piccoli borghi ormai quasi abbandonati dell’Italia, di avere una nuova vita, grazie ad una ripopolazione del territorio.

Così, dal 2016 anche il piccolo borgo di Ollolai, in Sardegna, ha deciso di aderire al progetto delle case in affitto a 1 euro.

Chi può avere le case in affitto a 1 euro in Sardegna

In questo modo, professionisti di qualsiasi settore che lavorano in smart working, famiglie e tante altre categorie di lavoratori, potranno decidere di far parte del progetto “Work from Ollolai/Traballa dae Ollolai”.

Si intendono, quindi, inclusi in queste categorie non soltanto lavoratori italiani, ma anche provenienti da Paesi esteri.

Al momento si è arrivati alla seconda fase del progetto, in cui alcune delle case messe a disposizione dal Comune di Ollolai stanno cominciando ad essere date in affitto.

Leggi anche: Case a 1 euro sul mare: dove si trovano e quali comprare nel 2023.

Come fare domanda per l’affitto a 1 euro

Per tutti coloro che sono effettivamente intenzionati ad approfondire il progetto delle case in affitto a 1 euro e desiderano inviare la propria domanda, è necessario rispettare un’apposita procedura telematica.

Infatti, le domande inviate mediante il portale online dedicato, accessibile al seguente link (https://www.workfromollolai.com/) vengono periodicamente analizzate e prese in considerazione da parte dei responsabili del progetto.

Questo perché, una volta concluso il soggiorno dei professionisti e/o delle famiglie che sono state scelte per il progetto delle case in affitto a un euro, il Comune potrà riaprire le candidature e valutare nuovi lavoratori per concedere loro l’adesione al progetto.

A questo proposito, al momento della presentazione della domanda, sarà necessario quindi accedere al sito prima citato, inserendo una serie di dati e di informazioni anagrafiche.

Tra queste, oltre al nome e al cognome, il candidato è tenuto a indicare anche il proprio profilo professionale, il Paese di provenienza, l’indirizzo email oltre che l’eventuale data in cui potrebbe prendere avvio la sua residenza a Ollolai.

Leggi anche: Comprare case a 1 euro: conviene davvero? I fattori da considerare e i costi reali.