Il mercato Usa sembra aver perso un po’ di smalto nelle ultime settimane. L’indice Morningstar dedicato al mercato Usa in un mese (fino al 10 giugno e calcolato in euro) ha perso lo 0,42%, portando a +17,7% la performance da inizio anno.

Indice Morningstar Usa da inizio anno

Dati in euro aggionati al 10 giugno 2019

Fonte: Morningstar Direct

L’andamento si è riflesso sui fondi. Nell’universo large cap, la categoria Morningstar che raggruppa i fondi che investono nelle azioni con stile Blend è rimasta praticamente invariata, così come quella degli strumenti che puntano sui Growth. La Value ha perso lo 0,8%. Le mid cap sono arretrate dello 0,77%, mentre l’insieme dedicato ai fondi che investono sulle small cap è sceso del 2,3%.

L’economia frena

La fase di appannamento in Borsa ha diverse motivazioni ma, alla base, c’è un peggioramento della situazione macroeconomica. La crescita è rallentata nelle ultime settimane. In base ai più recenti indicatori congiunturali, il modello di stima della Federal Reserve di Atlanta dice che l’incremento reale del Pil è sceso all’1,4% (dopo l’1,7% fatto segnare a maggio). Con l’economia in peggioramento c’è stata una involuzione nel mercato del lavoro. I dati di maggio dicono che il numero delle assunzioni è stato di 75mila unità, il risultato più basso da metà 2009.

La Fed pronta al taglio?