Bollo auto 2021: nuove esenzioni delle Regioni! Chi non paga

In seguito all’esplodere dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, al fine di andare incontro alle nuove esigenze dei cittadini italiani, anche le Regioni hanno deciso di introdurre e prorogare nuove agevolazioni ed esenzioni per quanto riguarda i pagamenti relativi al bollo auto 2021. Ecco quindi quali sono le nuove scadenze da rispettare e chi potrà accedere all’esenzione.

Image

Tra le tasse più odiate da parte dei cittadini italiani vi è sicuramente quella relativa al bollo auto, spesso finita nel centro del dibattito politico e pubblico. 

A questo proposito, si parla dell’imposta relativa al possesso di una qualsiasi tipologia di autovettura, da parte dei cittadini residenti sul territorio italiano. 

Tuttavia, in seguito all’esplodere dei contagi da Coronavirus che ha provocato una grave crisi economica mettendo in ginocchio milioni di lavoratori, imprenditori e famiglie italiane, sono state introdotte diverse esenzioni ed agevolazioni, anche in merito alla tanto odiata tassa sul possesso dell’auto. 

Occorre precisare, in questo contesto, che si tratta di decisioni che sono state intraprese a livello regionale, in quanto spetta ad ogni singola Regione italiana il compito di gestire e di controllare i versamenti legati al bollo auto, da parte dei cittadini residenti. 

È necessario evidenziare che oltre alle decisioni intraprese da parte di ciascuna Regione a livello territoriale, sono stati messi in atto anche interventi mirati a livello sia nazionale che addirittura europeo, in merito non soltanto al tema del bollo auto, ma più in generale sulle revisioni auto e patente, le cui scadenze erano state fissate durante lo scorso anno o quello corrente. 

In questo senso, oltre alle proroghe in merito alle scadenze previste per i versamenti del bollo auto anche per l’anno 2021, sono stati approvati anche degli scostamenti per quanto riguarda i termini ultimi obbligatori per coloro i quali avrebbero dovuto effettuare revisioni all’autovettura oppure alla propria patente di guida. 

Ecco, dunque, un breve riepilogo in cui saranno ripercorsi dettagliatamente tutti i cambiamenti e le proroghe intraprese nel corso dei mesi in merito al versamento della tassa del bollo auto oltre che alla cancellazione del bollo per alcune categorie di cittadini o di autovetture, che presentano specifiche condizioni e requisiti.

Le decisioni regionali in merito al bollo auto

Oggi più che mai, i cittadini italiani segnati particolarmente dalla crisi economica, conseguente l’aumento dei contagi da Coronavirus, non hanno la possibilità di continuare a pagare la tassa sul possesso dell’automobile, chiamata appunto, bollo auto.

Il versamento della tassa relativa al bollo auto, si ricorda, è considerato obbligatorio per tutti quei cittadini che risultano proprietari di un qualsiasi tipo di autovettura, che non rientra nelle esenzioni disposte a livello nazionale o regionale. 

Tuttavia, come specificato anche in precedenza, non sono gli enti nazionali italiani a dover monitorare e gestire al meglio i versamenti legati al bollo auto, bensì ogni singola Regione italiana, che potrà controllare e verificare l’effettivo pagamento da parte dei suoi cittadini, in maniera completamente autonoma ed indipendente. 

È per questo motivo che anche in merito alle varie proroghe che nel corso dei mesi precedenti, particolarmente segnati dall’emergenza epidemiologica del Coronavirus, queste sono state frutto di decisioni intraprese a livello regionale da parte di ciascuna giunta del territorio.

Dunque, in questo senso, si vanno ad aggiungere alle tradizionali esenzioni nazionali, anche quelle a livello regionale, che prevedono in alcuni casi proroghe per le scadenze del pagamento del bollo auto, destinate però soltanto ad alcune categorie di cittadini. 

Per questo motivo, si consiglia sempre di verificare all’interno dei portali telematici della propria Regione di residenza la sussistenza dei requisiti necessari per poter ottenere il riconoscimento dell’esenzione o della proroga del bollo auto.  

Le proroga regionali per il pagamento del bollo auto

In questo senso, essendo le singole Regioni italiane a prendere decisioni autonomamente in merito al pagamento del bollo auto, occorre specificare che attualmente sono soltanto tre le giunte regionali che hanno approvato delle ulteriori proroghe in merito ai versamenti che dovranno essere effettuati da parte dei cittadini italiani per il bollo auto, in quanto possessori di un’autovettura.

A tal proposito, va fatto riferimento esclusivamente ai cittadini residenti nella Regione Veneto, nella Regione Emilia-Romagna oltre che nella Regione Campania.

Occorre sottolineare che la sospensione dei termini ultimi previsti per quanto riguarda il versamento della tassa del bollo auto non impedisce ai singoli cittadini italiani in possesso di un’autovettura ad effettuare il pagamento in maniera volontaria, senza dover aspettare la nuova scadenza.

In vista della situazione emergenziale che tuttora sta purtroppo attraversando il nostro Paese, potrebbe essere verosimile che anche altre Regioni italiane nel corso dei mesi provvedano alla decisione di rinviare i pagamenti relativi al bollo auto 2021.

Quali sono le nuove scadenze del bollo auto

Nello specifico, per tutti coloro che risultano essere residenti nel territorio regionale veneto, la giunta ha prorogato la scadenza stabilita per il bollo auto di tutti i versamenti che sarebbero stati dovuti durante il periodo tra il primo gennaio 2021 ed il 31 agosto 2021. 

In questo caso, i cittadini della Regione Veneto potranno vedersi prorogato il termine ultimo per i pagamento del bollo auto fino al 30 settembre 2021, senza dover essere tenuti al pagamento di sanzioni o di interessi. 

Per quanto riguarda invece il pagamento del bollo auto, dovuto da parte del cittadini italiani che risultano essere residenti sul territorio dell’Emilia-Romagna, la tassa di possesso dell’auto è stata sospesa fino al giorno 31 luglio 2021.

In tal senso, tutti i cittadini che avrebbero dovuto provvedere al versamento del bollo durante il periodo tra il 1° aprile e il 31 maggio 2021, potranno farlo anche entro la fine di luglio. 

È chiaro quindi che la proroga si riferisce a tutti quei bolli che avevano come termine ultimo dei pagamenti le date di 31 maggio 2021 e 30 giugno 2021

I cittadini residenti nella Regione Emilia-Romagna, potranno così provvedere ai pagamenti entro il 2 agosto 2021, il quale costituisce di fatto il primo giorno lavorativo dopo la data di scadenza fissata per il 31 luglio

Nei casi in cui si verificherà un mancato versamento entro quella data, saranno conteggiate le sanzioni della scadenza ordinaria. 

Per quanto riguarda, invece, i cittadini che risiedono nel territorio della Regione Campania, è stata disposta la sospensione dei termini previsti per i versamenti in merito alla tassa automobilistica che fanno riferimento al periodo compreso tra i giorni del 19 gennaio fino al 30 aprile, attraverso una proroga che era valida fino al giorno 31 maggio 2021, senza andare incontro all’applicazione di interessi o di sanzioni.

La cancellazione del bollo auto per la Lombardia

Un’altra Regione italiana che ha deciso di intraprendere differenti decisioni in merito al pagamento del bollo auto è quella della Regione Lombardia.

Si tratta anche in questo caso di una serie di interventi che sono volti ad andare incontro alle necessità dei cittadini, in particolare quelli che maggiormente colpiti dalla crisi economica e dalle misure restrittive intraprese dalla squadra governativa al fine di contenere l’aumento dei contagi. 

In questo contesto, la Regione Lombardia ha deciso di cancellare il pagamento del bollo auto per tutto l’anno 2021, in favore di tutti quei veicoli, sia di proprietà che quelli che sono utilizzati a titolo di locazione, da parte di cittadini o imprese che effettuano delle attività legate al trasporto di persone.

È il caso, ad esempio, di veicoli come quelli degli autobus, pullman o anche taxi, riferiti all’interno territorio regionale. 

Un ulteriore aiuto offerto dalla giunta regionale della Lombardia è quello relativo allo sconto degli importi per il pagamento del bollo auto del 15 per cento, che potrà essere riconosciuto nei confronti di tutti quei cittadini residenti nel territorio regionale che decidono di effettuare i pagamenti attraverso il sistema della cosiddetta domiciliazione bancaria.

Bollo auto cancellato in Piemonte, Marche e Sicilia

Tra le altre Regioni che hanno deciso di intraprendere delle nuove esenzioni ed agevolazioni per i propri cittadini in merito anche alla tassa sul possesso dell’automobile, vi sono Regione Piemonte, Regione Marche e Regione Sicilia.

In ogni caso, le esenzioni si riferiscono esclusivamente ad alcune categorie di automobile, per questo motivo occorre verificare bene l’effettiva sussistenza di tutti i requisiti richiesti per poter accedere all’agevolazione, non pagando quindi il bollo.

In questo senso, per quanto riguarda la Regione Piemonte, la giunta ha approvato l’esenzione del pagamento del bollo auto per la durata di tre anni a partire dal 2020 fino al 2022, valida per tutte quelle autovetture ad utilizzo privato con una potenza che non risulta essere superiore ai 100 kW di categoria euro 6 o superiori.

A questo proposito, è necessario che le auto risultino essere immatricolate durante il periodo tra il primo gennaio ed il 31 dicembre 2021 e che sono state acquistate in sostituzione di una autovettura che rientra nelle categorie euro 0, euro 1 oppure euro 2, in rottamazione. 

Per quanto riguarda invece, i cittadini residenti, anche per l’anno 2021, così come è avvenuto per l’anno precedente, sono state previste delle esenzioni per il pagamento del bollo auto nei confronti di quei cittadini proprietari di autovetture con un’alimentazione ibrida benzina-elettrica oppure gasolio-elettrica, dove è inclusa anche l’alimentazione termica, oppure quelle autovetture benzina-idrogeno che risultano essere state immatricolate per la prima volta durante l’anno. In questo caso, l’esenzione avrà una validità di cinque anni

Infine, l’Assemblea Regionale della Sicilia ha deciso di approvare un procedimento che prevede l’esenzione del bollo auto per l’anno 2020, in favore di tutti quei cittadini residenti che hanno un reddito annuale inferiore ai 15.000 euro e che risultano essere in possesso di un’autovettura immatricolata da più di dieci anni o con una potenza massima fio a 53 kW. 

Le altre esenzioni per il bollo auto 2021

A tutte queste esenzioni previste a livello regionali si vanno ad aggiungere anche le agevolazioni disposte in favore di alcune categorie di cittadini o di autovetture a livello nazionale. 

In questo caso, rientrano nell’esenzione per il bollo auto quei cittadini che presentano disabilità come non vedenti, con problematiche di deambulazione o con disabilità psichiche gravi o ridotte abilità motorie.

Inoltre, avranno la possibilità di non pagare il bollo auto, anche quei cittadini che risultano essere in possesso di un'autovettura che rientra in quelle auto dall'effettivo valore storico.