Bonus da 100 euro: misura ancora attiva fino a fine anno, ma i fondi stanziati sono quasi a secco. Ecco come non perderlo!

Tra le agevolazioni senza ISEE, ne abbiamo una attualmente attivata da 100 euro massimi.

La misura è stata introdotta dal Governo alla fine dello scorso anno, per sostenere particolari tipologie di spese che, per moltissime famiglie, sono necessarie.

La misura è infatti legata al passaggio alle nuove frequenze del cosiddetto digitale terrestre: già dallo scorso marzo, moltissime TV degli italiani sono diventate inutilizzabili.

Ed è per questo che, ad oggi, è ancora attivo questo bonus da 100 euro, il bonus rottamazione TV, che si affianca alla vecchia agevolazione con ISEE (anch’essa ancora fruibile).

L’esecutivo, tra le altre cose, ha disposto che entrambe le misure debbano mantenersi fino alla fine dell’anno corrente.

Eppure, presto dovremo fare i conti con una problematica: quella della mancanza dei fondi.

Scopriamo dunque insieme la situazione attuale in merito al bonus da 100€ in questione. Cercheremo anche di capire cosa fare per non perdere la misura e per fruirne prima che i finanziamenti vengano totalmente esauriti.

Bonus da 100 euro: i dati parlano chiaro, fondi in esaurimento!

Che il bonus da 100 euro terminerà prima della data prevista, appare ormai chiaro.

In effetti il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione i dati aggiornati della misura, anche se bisogna specificare che, a differenza di altre misure, come ad esempio gli incentivi auto e moto, non abbiamo a disposizione una piattaforma specifica per i fondi del bonus da 100€.

Non è quindi possibile visualizzare i fondi residui in tempo reale, anche se i dati relativi all’agevolazione vengono comunque condivisi con la popolazione. E tali dati che dimostrano che il bonus rottamazione TV è un gran successo.

Per finanziare la misura, lo ricordiamo, il Governo ha stanziato ben 314 milioni di euro totali, che però servono per erogare sia il bonus rottamazione TV per tutti, sia il bonus TV con ISEE.

Allo scorso mese di aprile, secondo i dati diffusi dal MiSE, sono stati agevolati acquisti per più di tre milioni di dispositivi idonei, di cui gran parte, ossia ben il 78%, si riferisce al bonus rottamazione TV.

Inoltre, è stato stimato un fondo residuo pari a soli 90 milioni di euro. Dunque, in tempi brevissimi, i fondi si esauriranno.

Molto probabilmente, dunque, il bonus da 100 euro si concluderà molto prima della data di scadenza prevista. Questa era fissata al prossimo 31 dicembre 2022.

Ma è improbabile che, se il bonus non verrà finanziato nuovamente, resteranno risorse disponibili fino a tale data.

Probabilmente, non resterà più denaro per finanziare la misura già durante l’estate.

Come non perdere il bonus da 100€?

Dunque, dato l’imminente esaurimento dei fondi stanziati, c’è solo una cosa da fare per non perdere il bonus da 100 euro: richiederlo al più presto.

Per tale ragione, in questo paragrafo ci occuperemo di qualche dettaglio utile per ottenere la misura.

Il bonus da 100€ è un bonus senza ISEE, che può dunque essere richiesto da tutti. Non occorrono particolari requisiti reddituali per l’accesso.

Ci sono però delle regole da rispettare per poterne fruire. Innanzitutto, dato che il nome ufficiale della misura è bonus rottamazione TV, non stupisce che per ottenerlo si debba rottamare una vecchia televisione.

Nello specifico, andranno rottamate tutte quelle TV che sono state acquistate prima del 22 dicembre 2018. Dopo tale data, infatti, non è stato più possibile vendere dispositivi non idonei alla trasmissione del nuovo digitale.

Al contrario, moltissimi dispositivi acquistati prima di quella data non sono idonei e vanno dunque sostituiti per poter continuare a guardare la TV senza problemi.

Ma, per accedere al bonus da 100 euro per l’acquisto di una nuova TV, la rottamazione del vecchio televisore non basta.

Occorre anche possedere regolare residenza in territorio italiano ed essere in regola coi pagamenti relativi al canone RAI.

Bonus da 100 euro: modalità di fruizione

Ricevere il bonus da 100 euro per l’acquisto di una nuova TV è semplice e immediato.

Infatti, basterà presentarsi con la vecchia TV da rottamare presso un rivenditore autorizzato. In questo modo, si consegnerà il vecchio televisore da rottamare e si riceveranno fino a 100 euro di sconto immediato sul nuovo acquisto.

In altre parole, non si riceverà un bonus da 100€ in denaro, ma si potrà fruire della misura solo tramite l’acquisto di una nuova TV, in forma di sconto.

Il bonus rottamazione TV prevede, oltre che la consegna del vecchio dispositivo, anche la contestuale compilazione del modulo rottamazione TV ufficiale.

In questo modo, si attesterà l’avvenuto smaltimento del vecchio prodotto in maniera conforme alla normativa.

Specifichiamo comunque che il bonus rottamazione TV non conferirà uno sconto uguale per tutti. Il massimo ottenibile è 100 euro, ma questa cifra non è fissa.

Il bonus va infatti calcolato sul 20% di quanto si spenderà per la TV nuova.

Bonus da 100 euro: si può usare anche online?

Abbiamo già detto che il bonus da 100 euro si potrà richiedere consegnando un vecchio televisore non più capace di ricevere il segnale TV.

Questo però non esclude la possibilità di richiedere il bonus rottamazione TV online. Alcuni rivenditori e siti che si occupano della vendita di prodotti elettronici sono infatti disposti a concedere lo sconto previsto.

Tuttavia, in questo caso, occorre provvedere autonomamente alla rottamazione del vecchio prodotto.

Per farlo, basta recarsi presso un’isola ecologica e smaltire lì la vecchia TV. L’isola ecologica rilascerà un certificato di avvenuto smaltimento, che andrà poi fatto pervenire al rivenditore online insieme al modulo ufficiale di cui abbiamo discusso al paragrafo precedente.

Attenzione, però: non tutti i negozi online permettono di fruire del bonus da 100€. Sul noto sito di eCommerce Amazon, ad esempio, non è possibile richiedere il bonus TV.

Oltre il bonus da 100€: come aumentare la misura a 130 euro!

Prima di avviarci alla conclusione, vogliamo segnalare ai lettori interessati che il bonus da 100 euro può anche essere incrementato di ulteriori 30 euro.

Purtroppo, però, non si tratta di un’opportunità accessibile a tutti.

Infatti, se il bonus da 100€ è accessibile a tutti, senza presentare il reddito familiare complessivo, i 30 euro aggiuntivi sono fruibili solamente a fronte di un reddito non troppo elevato. Il limite è fissato a 20.000 euro.

La fruizione dei 30 euro aggiuntivi è infatti legata alla richiesta di un secondo bonus TV, quello con ISEE.

Si tratta di una misura già attiva da tempo: inizialmente era pari a 50 euro di sconto sull’acquisto di un nuovo dispositivo. Tuttavia, il bonus TV con ISEE ha subito una riduzione, che lo ha portato a soli 30 euro.

Tuttavia, il bonus rottamazione TV e l’agevolazione con ISEE possono essere cumulati: in questo modo, che presenta modello ISEE può arrivare ad ottenere uno sconto totale di 130 euro.

Tra le altre cose, con i 30 euro del secondo bonus possono essere acquistati non solo televisori, ma anche decoder da applicare ai dispositivi ormai obsoleti, in modo da renderli nuovamente in grado di ricevere il segnale TV.

Anche in questo caso, effettuare la richiesta per l’agevolazione è abbastanza semplice.

Come accade per il bonus da 100 euro, anche per quello da 30 euro esiste un modulo ufficiale da compilare

Modulo che andrà consegnato al momento dell’acquisto, insieme all’ISEE in corso di validità. Consegnando, inoltre, un prodotto da rottamare, si avrà diritto anche allo sconto del 20% previsto dal bonus rottamazione TV.