È possibile risparmiare grazie a bonus vantaggiosi? Certamente sì. Non tutto è per tutti, però. Bonus 2021 per famiglie o partite Iva, con o senza Isee, per la casa o l’azienda, subito spendibili o in detrazione fiscale. Oggi selezioniamo per voi tutti i bonus per la casa e per le donne con figli.

È innegabile. Siamo nell’era dei bonus, che ben vengano ben inteso, piccole soluzioni a un grande problema rappresentato dal diffondersi della pandemia da Covid-19. Bonus che il governo ha deciso di stanziare per aiutare le varie categorie di persone in difficoltà, disoccupate o ancora in forza, seppur tra difficoltà economiche quotidiane.

Il bonus nasce per sua intrinseca natura, per incentivare i consumi: da una parte un input ai privati cittadini per smuovere l’economia, dall’altro un aiuto alle aziende per riprendere la produzione e rimettersi dunque in carreggiata.

Riporta il Codacons:

Tra i tanti bonus approvati negli ultimi anni, tanto che secondo qualcuno questi saranno proprio ricordati come “gli anni dei bonus”, alcuni hanno fatto la differenza per il superamento del difficile ed inaspettato periodo che abbiamo dovuto affrontare tra lockdown, chiusure alternate a riaperture e coprifuoco. Uno scenario impensabile fino a poco prima che divenisse realtà. 

In questo articolo, aggiornato in queste ultime ore, trovi una carrellata di tutti i bonus 2021 che ti interessano senza dubbio, in particolare se sei una mamma, con bambini piccoli o figli universitari, e se hai la casa di proprietà.

Vediamoli nel dettaglio.

Elenco di tutti i bonus 2021 per i figli

Esistono diverse tipologie di bonus, come abbiamo avuto modo già di sottolineare. La loro funzione, in particolare in questo delicato momento storico, è molto importante. 

I bonus sono per lo più stabiliti dal governo tramite la legge di bilancio annuale o mediante decreti, appositamente realizzati per fronteggiare emergenze sopravvenute. Il loro scopo è quello di integrare il reddito delle famiglie oppure di erogare buoni o facilitazioni per le spese da sostenere periodicamente.

Dividiamo i bonus 2021 presentati in questo articolo, in due categorie principali. Quelli riservati alle donne con figli e quelli invece utili per la casa (da poter sfruttare soprattutto se è di proprietà).

Rientrano nella prima categoria, i bonus 2021 per bambini, studenti o ragazzi universitari.

Bonus mamme single 2021

Inauguriamo la sezione con un bonus dedicato alle mamme, in particolare a quelle single. Si tratta di un contributo del valore di 500 euro, che va a beneficio sia delle mamme monoreddito che di quelle disoccupate. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sta ancora definendo i termini dell’agevolazione. A quanto pare, stando allo stato attuale della situazione, sembra che il bonus verrà dedicato in esclusiva alle mamme single che hanno con sé figli disabili a non meno del 60%, come prevede il  comma 365 art.1 del testo. Rimarremo aggiornati sull’argomento.

Bonus mamma domani 2021

Si tratta di un bonus del valore di 800 euro, a cui hanno diritto le mamme, già a partire dal settimo mese di gravidanza. C’è tempo fino all’anno di età del bambino, per poter inviare la domanda. È possibile inoltrare la richiesta direttamente tramite il sito web dell’Inps (che è l’ente che eroga il beneficio) oppure recarsi presso la sede del proprio comune di appartenenza, agli uffici preposti. Il bonus va alle donne con partita Iva oppure alle disoccupate. Le donne lavoratrici dipendenti ottengono l’agevolazione già attraverso la richiesta del periodo di maternità.

Attenzione! A partire da luglio 2021, è in vigore l’assegno unico per i figli, che le donne titolari di partita Iva possono già richiedere. L’assegno unico va a sostituire tutti gli altri, come il bonus nascita ad esempio oppure quello per l’asilo nido. A partire da gennaio 2022, anche tutte le lavoratrici dipendenti, sia del settore pubblico che privato, potranno accedervi).

Bonus nascita 2021

Si tratta di un aiuto economico che viene erogato ogni mese dall’Inps, per tutto l’anno, sia in caso di nascita che di adozione del bambino. È la legge di bilancio del 2021 che andrà a a stabilire gli importi degli assegni e i requisiti Isee per potervi accedere.

Bonus baby sitter 2021

Questo bonus è destinato a tutti i genitori che hanno figli, fino a un massimo di 12 anni di età. Per questo anno, l’importo dell’aiuto economico è stato pari a 1.200 euro per bambino, ma la misura verrà rinnovata a livello nazionale per il prossimo anno. Non resta che seguire l’avvicendarsi delle news a tal riguardo.

Bonus nido 2021

Tutte le famiglie che mandano il proprio bambini all’asilo nido presso privati (quindi corrispondendo una retta mensile per ottenere il servizio), hanno diritto a un rimborso che oscilla tra i 1.500 euro e i 3 mila euro all’anno, in base al valore dell’attestazione Isee. La domanda va presentata direttamente all’inps.

Bonus 2021 per figli universitari

Il bando si rivolge agli studenti universitari che hanno l’iscrizione presso determinate categorie di gestione Inps. Si tratta di borse di studio che coprono fino a 2mila euro di spese nel corso dell’anno. Le modalità per fare richiesta e tutte le informazioni relative al prossimo bando sono da ricercarsi sul sito web dell’inps. Pertanto, in vista dell’apertura del nuovo anno accademico, è bene monitorare in maniera periodica le comunicazioni pubblicate.

Bonus 2021 per l’affitto degli studenti fuori sede

Chi ha un Isee inferiore a 20 mila euro e vuole iscrivere il proprio figlio all’Università, allora può beneficiare di questo bonus 2021, se l’Ateneo si trova in un’altra città. È la stessa università, tramite i suoi uffici, che gestisce le richieste. Bisogna dunque presentare la documentazione necessaria, allegando oltre all’attestazione Isee anche il certificato di residenza e la dichiarazione di non usufruire di altri contributi pubblici per l’alloggio.

Elenco di tutti i bonus 2021 per la casa

Qui di seguito è possibile consultare tutti i bonus 2021 che permettono di avere agevolazioni per la propria abitazione o giardino, sia in forma di credito d’imposta sia attraverso la cessione di tale diritto all’impresa o alla banca (in modo tale da non dover anticipare il denaro).

Ecobonus 110

Si tratta di un bonus di cui si può beneficiare se, oltre alla riqualificazione energetica, figura anche un lavoro trainante. In questo caso, è possibile ottenere il 100% del valore dei lavori effettuati, dovendo solo contribuire con qualche centinaio di euro, all’apertura e gestione della pratica burocratica.

Se invece i lavori interessano soltanto la riqualificazione energetica dell’edificio, allora è possibile

recuperare il 50% delle spese sostenute per gli interventi su infissi e schermature solari. Mentre per altre tipologie di lavori, come ad esempio l’installazione di pompe di calore o scaldacqua, l’agevolazione arriva al 65%. 

Bonus facciate 2021

Se la facciata dell’edificio necessita di una ristrutturazione, allora è il caso di esaminare se il bonus facciate 2021 può realmente giovare alla propria situazione. Si tratta della possibilità di poter ottenere un rimborso fino al 90% per quanto riguarda il recupero della facciata oppure interventi di restauro. Il beneficio riguarda i proprietari di casa e va a scontarsi in fase di dichiarazione dei redditi.

Bonus 2021 per ristrutturare casa

Se la propria villetta o appartamento ha bisogno di lavori di ristrutturazione interni, allora il governo mette a disposizione la possibilità di poter usufruire del bonus ristrutturazioni 2021. Si tratta anche in questo caso di un credito d’imposta, per ottenere in fase di di dichiarazione dei redditi, il rimborso del 50% delle spese affrontate, e fino al limite massimo di 96mila euro.

Bonus mobili 2021

Se poi, oltre a ristrutturare casa, si desidera anche rinnovare l’arredamento, è possibile affrontare la spesa più a cuore leggero. Infatti questo bonus prevede il rimborso sugli acquisti effettuati, anche per quanto riguarda gli elettrodomestici, fino al 50% in detrazione Irpef. In particolare, il bonus elettrodomestici (frigoriferi, lavastoviglie, congelatori, forni, stufe) deve legarsi necessariamente a un lavoro di ristrutturazione.

Bonus 2021 per le aree verdi

Se i balconi o le terrazze sono malandati oppure il giardino necessita di qualche intervento, allora è possibile approfittare del bonus verde 2021 ovvero un rimborso in forma di credito d’imposta, che è pari al 36% di quanto speso e per un importo non superiore a 5 mila euro.

Bonus caldaia 2021

Se è da sostituire, tanto vale approfittare del bonus messo a disposizione da parte del governo, in tal senso. Anche in questo caso, c’è il rimborso in forma di credito d’imposta. La percentuale arriva fino al 65%, per un importo non superiore ai 30 mila euro. Nel caso in cui la sostituzione della vecchia caldaia si associa all’esecuzione di un lavoro trainante, allora ci sono anche le condizioni per poter accedere al superbonus 110.

Bonus 2021 per le zanzariere

Non “normali” zanzariere, bensì in grado anche di migliorare l’efficienza energetica dell’abitazione, in quanto riescono a schermare la luce solare. In questo caso possono usufruire del bonus zanzariere, da portare in detrazione in dichiarazione dei redditi, sia i proprietari di casa che gli affittuari.

Bonus luce e gas

Si tratta di una agevolazione concessa alle famiglie più disagiate, che presentano nuclei familiari numerosi e basso reddito, secondo il valore riportato nell’attestazione Isee. Il valore del bonus si determina in seguito alla presentazione della domanda, proprio in virtù dei calcoli da effettuare, in base allo status quo della famiglia.

Bonus idrico

Conosciuto altrimenti come bonus rubinetti, permette di cambiare appunto i rubinetti del bagno o della cucina (nonché anche i sanitari) con un contributo del valore di mille euro sui lavori effettuati.

Bonus acqua potabile

Questo ultimo bonus che chiude la rassegna di quelli dedicati alla casa, consente di installare un depuratore dell’acqua sotto il lavandino della propria cucina, così da eliminare il problema dell’approvvigionamento di acqua potabile in bottiglie di plastica. Il credito d’imposta è pari al 50%, fino a un massimo di mille euro di spesa.